Salta al contenuto principale

Bagnara, corruzione, peculato e falso
Arrestato comandante polizia municipale

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 19 secondi

REGGIO CALABRIA – Il comandante della Polizia municipale di Bagnara Calabra, Giuseppe Bellantone, è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Palmi e della Stazione Carabinieri di Bagnara Calabra con l’accusa di corruzione per atto contrario ai doveri di ufficio, peculato tentato e diversi episodi di falsità ideologiche in atto pubblico. I militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari di Reggio Calabria, su richiesta della locale Procura. Al'indagine ha collaborato l’aliquota della Guardia di Finanza della sezione di polizia giudiziaria presso la Procura. Le indagini, partite da un accertamento su una serie di determine comunali emesse dall’indagato, con le quali sono stati riconosciuti rimborsi spese in favore di una onlus per il servizio di assistenza al traffico nel territorio di Bagnara, avrebbero permesso di stabilire che le spese non erano mai state in realtà sostenute e che le determine erano viziate da falsità ideologica. Nel prosieguo delle indagini, sviluppatesi in acquisizioni di atti e intercettazioni, sarebbero stati documentati diversi episodi illeciti. Bellantone in particolare avreebbe ricevuto a titolo gratuito due veicoli affinchè omettesse di sanzionare illecite occupazioni di suolo pubblico. Diverse falsità ideologiche sarebbero inoltre ssatate commesse dall’ufficiale nell’ambito di procedimenti amministrativi relativi al rilascio di autorizzazioni all’occupazione di suolo pubblico ncl comune di Bagnara Calabra in favore di esercenti pubblici. Sono in corso perquisizioni domiciliari da parte della polizia giudiziaria nelle sedi rispettivamente del Comune e del Comando di Polizia municipale di Bagnara oltre che in altri luoghi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?