Salta al contenuto principale

Vibo, truffa all'Inps per il 501 Hotel
Chiuse le indagini per tre imprenditori

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 50 secondi

VIBO VALENTIA – Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Questa l’ipotesi di reato per la quale la Procura di Vibo Valentia ha chiuso le indagini nei confronti di tre imprenditori del Vibonese, amministratori del «501 hotel», la struttura alberghiera più nota della città di Vibo. Gli indagati sono i fratelli Giuseppe e Giovanni Mancini, di 40 e 37 anni, componentii del Consiglio di amministrazione dell’hotel 501, e Sergio Casati, 51 anni, presidente del Consiglio di amministrazione della struttura alberghiera. Secondo l’accusa gli indagati avrebbero fatturato solo parzialmente i ricavi di eventi e matrimoni in modo da integrare i presupposti per la Cassa integrazione di alcuni lavoratori impiegati invece nelle ore di non occupazione coperte dalla C.i.g. Altra contestazione è poi quella di aver utilizzato altri lavoratori in nero in aggiunta a quelli già interessati dalla Cassa integrazione. In tal modo, dal 2010 ad oggi, secondo la Procura sarebbe stata truffata l’Inps, ente erogatore delle prestazioni assistenziali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?