Salta al contenuto principale

L'incubo dei fitofarmaci sull'agricoltura
In Puglia inchiesta che coinvolge la Calabria

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi
FITOFARMACI, vietati dalla legge, destinati alle campagne calabresi e pugliesi. Un incubo per i consumatori. Un mercato clandestino di sostanze prodotte in Cina e intercettate dalla Guardia forestale a Bari. Per questo la Procura della Repubblica della città pugliese ha aperto una inchiesta per verificare cosa possa essere dietro questo sequestro. I fitofarmaci in agricoltura hanno conseguenze tossiche e provocherebbero alterazioni nei tempi di maturazione della frutta. L’inchiesta, secondo quanto riferisce il quotidiano La Repubblica, è stata avviata in seguito al sequestro, fatto qualche giorno fa dalla Guardia Forestale, di 1.500 chilogrammi di fitofarmaci prodotti in Cina, importati tramite la Grecia, e destinato alle campagne calabresi e pugliesi. Si tratta di prodotti che sono stati vietati nel 2009 dal ministero della Sanità perchè dannosi per le piante e per l'uomo. L’effetto di questi prodotti sarebbe quello di modificare i tempi di gemmazione e maturazione delle piante da frutto anticipando e prolungando così la produzione, una sorta di 'doping' agricolo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?