Salta al contenuto principale

Processo Nepetia, nove condanne in appello
Confermati legami tra boss Muto e clan Gentile

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

CATANZARO – Nove condanne di primo grado sono state confermate nei confronti degli imputati nel secondo processo d’appello ai presunti esponenti della cosca Gentile-Besaldo che ha la sua influenza nei territori di Amantea e del medio Tirreno cosentino. La sentenza è stata emessa dai giudici della Corte d’appello di Catanzaro.   

I giudici hanno anche assolto il sottufficiale della Guardia di finanza Domenico De Luca dai reati di rivelazione del segreto istruttorio con l’aggravante delle modalità mafiose per i quali era stato condannato in primo grado alla pena di due anni di reclusione. De Luca, difeso dall’avvocato Francesco Gambardella, è stato ritenuto responsabile del reato di accesso abusivo ad un sistema informatico ed è stato condannato a 8 mesi di reclusione, con la sospensione della pena.   

Nel secondo processo d’appello è stata confermata la condanna di primo grado a 4 anni di reclusione per Franco Muto, detto il "re del pesce", boss e capo storico dell’omonima cosca, accusato di concorso esterno all’attività della cosca Gentile di Amantea.   La sentenza di primo grado era stata emessa nel maggio del 2009 al termine del processo con rito abbreviato svoltosi dinanzi al giudice per le udienze preliminari di Catanzaro. In primo grado erano state emesse condanne a pene da un anno a venti anni di reclusione. Il 24 novembre del 2010 era stata emessa la sentenza del primo processo d’appello, con 12 condanne e cinque assoluzioni. Successivamente la Cassazione aveva annullato con rinvio la sentenza di secondo grado. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?