Salta al contenuto principale

Duro colpo al patrimonio della cosca Iamonte
Sequestrate imprese, immobili e autovetture

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 46 secondi
Reggio Calabria, 23 mar. – Beni per un valore di 10 milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia a carico di persone considerate organiche alla cosca di 'ndrangheta Iamonte, operante a Melito Porto Salvo, nel reggino, e nelle aree limitrofe del basso Jonio. Il provvedimento è scaturito dall’indagine confluita nell’operazione «Ada», che lo scorso 11 febbraio ha visto in manette 65 persone accusate di associazione per delinquere di stampo mafioso. Le investigazioni hanno permesso di accertare come i beni oggetto del sequestro siano stati acquisiti da alcuni indagati con i proventi dell’attività criminosa. nNella loro dionibilità sono state individuate quattro imprese, numerose proprietà terriere, immobili ed autovetture dislocate nel comune Melito Porto Salvo ed a Roma, sede di una delle società, per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro. Sono stati sottoposti a sequestro complessivamente nove terreni, ventidue fabbricati e trentadue autovetture oltre a sei conti correnti. (AGI) Rc4/Ros 231117 MAR 13  (AGI) – Reggio Calabria, 23 mar. – Beni per un valore di 10 milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia a carico di persone considerate organiche alla cosca di 'ndrangheta Iamonte, operante a Melito Porto Salvo, nel reggino, e nelle aree limitrofe del basso Jonio. Il provvedimento è scaturito dall’indagine confluita nell’operazione «Ada», che lo scorso 11 febbraio ha visto in manette 65 persone accusate di associazione per delinquere di stampo mafioso. Le investigazioni hanno permesso di accertare come i beni oggetto del sequestro siano stati acquisiti da alcuni indagati con i proventi dell’attività criminosa. Nella loro disponibilità sono state individuate quattro imprese, numerose proprietà terriere, immobili ed autovetture dislocate nel comune Melito Porto Salvo ed a Roma, sede di una delle società, per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro. Sono stati sottoposti a sequestro complessivamente nove terreni, ventidue fabbricati e trentadue autovetture oltre a sei conti correnti. (AGI) Rc4/Ros 231129 MAR 13  

REGGIO CALABRIA – Beni per un valore di 10 milioni di euro sono stati sequestrati dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, in esecuzione di un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia a carico di persone considerate organiche alla cosca di 'ndrangheta Iamonte, operante a Melito Porto Salvo, nel reggino, e nelle aree limitrofe del basso Jonio.

 Il provvedimento è scaturito dall’indagine confluita nell’operazione «Ada», che lo scorso 11 febbraio ha visto in manette 65 persone accusate di associazione per delinquere di stampo mafioso. Le investigazioni hanno permesso di accertare come i beni oggetto del sequestro siano stati acquisiti da alcuni indagati con i proventi dell’attività criminosa. Nella loro dionibilità sono state individuate quattro imprese, numerose proprietà terriere, immobili ed autovetture dislocate nel comune Melito Porto Salvo ed a Roma, sede di una delle società, per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro. Sono stati sottoposti a sequestro complessivamente nove terreni, ventidue fabbricati e trentadue autovetture oltre a sei conti correnti. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?