Salta al contenuto principale

False assunzione di braccianti agricoli nel reggino
Denunciati 66 operai e il titolare dell'azienda

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

ROCCELLA JONICA (Reggio Calabria) - I finanzieri della Tenenza di Roccella Jonica (RC), nell’ambito di una complessa indagine hanno scoperto una truffa ai danni dell’INPS, per contributi erogati per malattia, disoccupazione e maternità, pari a 435.000, ottenuti con un’inesistente azienda agricola con sede a Martone (RC). Le indagini effettuate, hanno evidenziato la falsità delle certificazioni prodotte per l’assunzione di 66 braccianti agricoli relativamente agli anni dal 2006 al 2011, con conseguente disconoscimento di oltre 14.000 giornate lavorative dichiarate. Denunciati i 66 braccianti e il titolare dell’azienda. 

L'azienda agricola, era specializzata nella produzione di olio di oliva. È stato rilevato che i terreni agricoli, localizzati nei comuni di Roccella Jonica, Locri, Martone, Portigliola e Gioiosa Jonica della provincia di Reggio Calabria, sono risultati incolti e, ormai da diverso tempo, in totale stato di abbandono. Inoltre, il titolare dell’azienda, che non possiede macchine agricole, nè strumenti per la coltivazione dei terreni, non ha saputo fornire elementi circa i rapporti di lavoro instaurati con i propri dipendenti, nè presso quali frantoi avesse effettuato la molitura delle olive. Dalle indagini è emerso che il titolare dell’azienda ha emesso fatture relative ad operazioni inesistenti nei confronti di ignari clienti, aventi ad oggetto la vendita di olio d’oliva, i quali hanno disconosciuto i documenti contabili. Inoltre, la costituzione fraudolenta di tali rapporti di lavoro ha fatto nascere il diritto a percepire future prestazioni pensionistiche da parte dei lavoratori fittizi, andando così ad appesantire ulteriormente le casse dello Stato. Sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Locri il titolare dell’impresa jonica e i 66 braccianti per concorso in truffa aggravata ai danni dell’I.N.P.S.. Le persone sono state segnalate anche alla Procura Regionale della Corte dei Conti per il danno erariale causato dalla indebita percezione delle indennità.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?