Salta al contenuto principale

Evasione fiscale da 7 milioni nel Vibonese
La Finanza sequestra beni a impresa edile

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

VIBO VALENTIA –  E' Giovanni Gallace, 41 anni, di Ionadi, in provincia di Vibo Valentia, l’imprenditore al quale questa mattina gli uomini del Nucleo di polizia tributaria hanno sequestrato beni per un milione e mezzo di euro a seguito di un’evasione d’imposta accertata per oltre 7 milioni di euro. L’impresa operante nel settore edile interessata dal provvedimento è invece la «Safra Costruzioni» con sede a Ionadi, di proprietà di Giovanni Gallace il quale è stato anche denunciato per indebita compensazione dopo il mancato versamento di oltre 900mila euro ai fini dell’Iva. 

Il sequestro, disposto dal Gip del tribunale, riguarda somme di denaro, terreni, fabbricati. Durante una verifica fiscale è emerso che, dal 2007 al 2010, sono state evase imposte per oltre 7 milioni di euro. Il titolare dell’impresa è stato denunciato alla Procura della Repubblica. In sostanza il Nucleo di Polizia Tributaria di Vibo Valentia ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip di Vibo Valentia, riguardante somme di denaro, terreni, fabbricati e beni mobili registrati di proprietà di un’azienda vibonese operante nel settore dell’edilizia. 

L’attività trae origine da una verifica fiscale eseguita nel periodo maggio 2011–aprile 2012, nei confronti di una società, operante nel settore edile, a conclusione della quale sono state accertate numerose violazioni di carattere tributario e penale. Nella circostanza, il legale rappresentante della società è stato denunciato per aver omesso di indicare nelle dichiarazioni annuali, ricavi per un ammontare superiore a undicimila euro, ed inoltre ha indicato costi indeducibili per un ammontare pari a più di due milioni. Inoltre Gallace è stato deferito anche per indebita compensazione, poiché utilizzando in compensazione crediti non spettanti o inesistenti, non ha versato somme dovute ai fini Iva per oltre 905mila euro. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?