Salta al contenuto principale

Catanzaro, beve dell'acqua e sta male
Indagini del Nas su una partita di minerale

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

CATANZARO – Una partita di acqua minerale imbottigliata è stata sequestrata dai carabinieri del Nas di Catanzaro, dopo che una donna, residente in un piccolo centro della provincia, si è presentata in ospedale per avere accusato un disturbo per averne bevuto un bicchiere. Nel nosocomio di Catanzaro è stato possibile riscontrare che nell’acqua era presente una sostanza estranea, non ancora identificata. Saranno i militari del Nucleo antisofisticazioni ad accertare il tipo di sostanza. Intanto, i carabinieri della Compagnia di Sellia Marina, competenti per territorio, allertati dalla donna, hanno avviato le indagini. Secondo quanto è stato possibile ricostruire, la donna avrebbe acquistato l’acqua in un esercizio commerciale, quindi l'avrebbe bevuta accorgendosi subito del sapore e dell’odore alterato. Dopo la visita in ospedale e la denuncia, i militari del Nas si sono recati nell’esercizio dove la donna aveva acquistato l’acqua e hanno posto sotto sequestro tutte le casse presenti. Da una prima verifica, che dovrà essere confermata in laboratorio, nella bottiglia interessata potrebbe esserci una forte presenza di cloro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?