Salta al contenuto principale

Rende, mensa scolastica affidata a parenti di boss
Perquisizioni e verifiche disposte della Dda

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

RENDE (CS) – Alcune perquisizioni sono state eseguite in mattinata a Rende da parte dei carabinieri di Cosenza e della Direzione investigativa antimafia di Catanzaro nei confronti di alcuni presunti esponenti delle cosche della 'ndrangheta cosentina coinvolti nell’ambito dell’inchiesta denominata 'Terminator'. Le perquisizioni, disposte dal sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, Pierpaolo Bruni, riguardano, secondo quanto emerso al momento, dei servizi affidati dal Comune di Rende ai familiari di alcuni presunti esponenti della criminalità organizzata. 

Coinvolte, in particolare, sei persone, due società ed un bar. Disposta anche l’acquisizione di alcuni documenti presso la sede del Comune di Rende, oltre che le perquisizioni nelle sedi delle società e nelle abitazioni dei titolari delle aziende. 

LE MENSE SCOLASTICHE E IL BAR - Dalle indagini condotte dalla Dia di Catanzaro e dai carabinieri di Cosenza sono emersi «rapporti ed erogazioni pubbliche a favore di soggetti strettamente legati, anche per vincoli familiari, ad esponenti della criminalità organizzata». Il particolare emerge dal provvedimento.   È stato accertato – sostiene la Dda – che la società 'Ristomax' si è aggiudicata la gara d’appalto ad evidenza pubblica nell’anno 2011 per la gestione delle mense scolastiche nel Comune di Rende. 

Tra i dipendenti della predetta società figura Silvana Ruà, sorella del pregiudicato Gianfranco Ruà, attualmente detenuto per associazione mafiosa. Altra dipendente della società è Ida Cundari, figlia di Stefania Carà, che è convivente di Ettore Lanzino dal quale ha avuto il figlio William Lanzino. Ettore Lanzino è uno degli esponenti di spicco dell’omonima cosca della 'ndrangheta.   Nel decreto di perquisizione si fa riferimento anche alla società "Il Melograno" che si è aggiudicata la gara d’appalto nel 2010 per la gestione delle mense scolastiche del Comune di Rende. 

Tra i dipendenti della società c'è Maria Brunella Patitucci, cugina di Francesco Patitucci, ritenuto il reggente della cosca della 'ndrangheta dei Lanzino.   La Dda di Catanzaro ha concentrato la sua attenzione anche su una gara d’appalto per l’assegnazione di locali comunali destinati a bar. La gara è stata aggiudicata a Robertina Di Basile, moglie di Adolfo D’Ambrosio, considerato elemento di spicco della cosca Lanzino. 

L'ALTRO FILONE DI TERMINATOR - Un filone dell’inchiesta 'Terminator', riguardante in particolare la gestione delle cooperative del Comune, ha portato nel dicembre del 2012 all’arresto dell’ex sindaco di Rende, Umberto Bernaudo, e dell’ex assessore comunale, Pietro Paolo Ruffolo, per i quali si ipotizzava il reato di corruzione e corruzione elettorale. Poche settimane dopo l’arresto il tribunale della libertà di Catanzaro ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare ed ha rimesso in libertà i due esponenti politici. A seguito dell’arresto di Bernaudo e Ruffolo è stato disposto l’accesso antimafia nel Comune di Rende.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?