Salta al contenuto principale

Cosenza, caccia a pirata della strada
che ha investito donna ed è fuggito

Calabria

Tempo di lettura: 
4 minuti 20 secondi

 

TRAGEDIA sfiorata ieri in pieno centro cittadino. Una signora di mezza età è stata infatti investita mentre attraversava sulle strisce pedonali da un pirata della strada. L’automobilista, dopo il tremendo impatto, ha infatti accelerato senza sincerarsi delle condizioni della sfortunata passante, rimasta ferita. 
L’incidente è accaduto su Via Panebianco, più precisamente sul tratto di strada che costeggia le Casermette del 244 battaglione e si interseca con il ponte di Campagnano. La prima ricostruzione della dinamica è quasi agghiacciante ed è stata raccontata dai passanti che hanno provato a soccorrere la donna. 
Il corpo della signora è stato investito in pieno dall’automobile. Sbalzato in aria, è atterrato a più di dieci metri di distanza. In principio si è temuto il peggio e le conseguenze sembravano ben più gravi. La vittima dell’incidente è rimasta infatti immobile sul suolo e perdeva sangue dal viso, lamentando dolore per tutto il corpo e l’impossibilità di muovere gli arti. 
Il tempestivo intervento dell’ambulanza però, è servito a scongiurare ulteriori guai alla donna che è stata subito trasportata al pronto soccorso cittadino per verificare l’entità delle ferite riportate. 
Difficile l’intervento dei sanitari. La donna infatti ha subito la rottura della tibia, qualche piccola frattura e tante escoriazioni al corpo e soprattutto al viso. Sulla strada infatti erano diverse le chiazze di sangue a testimoniare la violenza dell’impatto e fortunatamente il corpo non è finito sul muretto che delimita la carreggiata. 
Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della Polizia Municipale per ricostruire la dinamica e iniziare le indagini. Il pirata della strada è infatti fuggito via subito dopo l’incidente ma pare che abbia le ore contate. Le forze dell’ordine hanno infatti ascoltato alcuni testimoni e si sono messe immediatamente sulle tracce del fuggitivo. Sono stati annotati anche i numeri della targa. Sono tanti, poi, i video delle telecamere presenti sulla zona e in città che gli uomini del capitano Giampiero Scaramuzzo hanno visionato per individuare il tragitto compiuto dall’automobilista. La soluzione del rebus pertanto è vicina e la Polizia Municipale, in procinto di chiudere la pratica, invita l’automobilista a consegnarsi alle autorità per evitare l’aggravarsi della sua posizione. 
Si profila infatti il reato di omissione di soccorso e alcuni numeri della targa della vettura, unitamente alle tracce di vernice della carrozzeria, sono state rinvenute e sono al vaglio degli inquirenti. 
Intanto la donna è stata ricoverata presso il presidio dell’Annunziata, dove i medici si sono attivati per ridurre la frattura. Non corre pericolo di vita.

COSENZA - Una signora di mezza età è stata investita mentre attraversava sulle strisce pedonali da un automobilista che, dopo il tremendo impatto, ha accelerato senza sincerarsi delle condizioni della sfortunata passante, rimasta ferita. L’incidente è accaduto a Cosenza nella centralissima via Panebianco, più precisamente sul tratto di strada che costeggia le Casermette e si interseca con il ponte di Campagnano. La prima ricostruzione della dinamica è quasi agghiacciante ed è stata raccontata dai passanti che hanno provato a soccorrere la donna. Il corpo della signora è stato investito in pieno dall’automobile. Sbalzato in aria, è atterrato a più di dieci metri di distanza. In principio si è temuto il peggio e le conseguenze sembravano ben più gravi. 

 

Il tempestivo intervento dell’ambulanza però, è servito a scongiurare ulteriori guai alla donna che è stata subito trasportata al pronto soccorso cittadino per verificare l’entità delle ferite riportate. 

Difficile l’intervento dei sanitari. La donna infatti ha subito la rottura della tibia, qualche piccola frattura e tante escoriazioni al corpo e soprattutto al viso. Sulla strada infatti erano diverse le chiazze di sangue a testimoniare la violenza dell’impatto e fortunatamente il corpo non è finito sul muretto che delimita la carreggiata. 

Sul posto sono intervenuti anche gli agenti della Polizia Municipale per ricostruire la dinamica e iniziare le indagini. Il pirata della strada è infatti fuggito via subito dopo l’incidente ma pare che abbia le ore contate. Le forze dell’ordine hanno infatti ascoltato alcuni testimoni e si sono messe immediatamente sulle tracce del fuggitivo. Sono stati annotati anche i numeri della targa. Sono tanti, poi, i video delle telecamere presenti sulla zona e in città che gli uomini del capitano Giampiero Scaramuzzo hanno visionato per individuare il tragitto compiuto dall’automobilista. La soluzione del rebus pertanto è vicina e la Polizia Municipale, in procinto di chiudere la pratica, invita l’automobilista a consegnarsi alle autorità per evitare l’aggravarsi della sua posizione. 

Si profila infatti il reato di omissione di soccorso e alcuni numeri della targa della vettura, unitamente alle tracce di vernice della carrozzeria, sono state rinvenute e sono al vaglio degli inquirenti. 

Intanto la donna è stata ricoverata presso il presidio dell’Annunziata, dove i medici si sono attivati per ridurre la frattura. Non corre pericolo di vita.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?