Salta al contenuto principale

Cieco calabrese accusato di violenza sessuale
Ad Ancona ha abusato di una parente disabile

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 30 secondi

ANCONA - Il fatto di essere cieco al 100% non gli ha impedito di abusare per anni di una sua giovanissima parente disabile: i fatti si sono svolti dal 1997 al 2002 ad Ancona e in Calabria. Il responsabile, un sessantenne calabrese residente nel capoluogo marchigiano, è stato arrestato dai carabinieri in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Rossano (Cosenza), dato che la sua condanna è diventata definitiva. L’uomo deve scontare un residuo di pena di sei anni e sei mesi. Dopo le formalità di rito è stato condotto nel carcere di Ancona Montacuto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?