Salta al contenuto principale

Terrorizza un debitore: arrestato nel Milanese
un reggino, aveva incendiato la porta di un garage

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi
MILANO, 5 LUG - Un pluripregiudicato di 67 anni, originario della provincia di Reggio Calabria, è stato arrestato nel Milanese dai carabinieri per estorsione e danneggiamento nei confronti di un imprenditore edile che non riusciva a far fronte ai suoi debiti dopo una serie di investimenti di ammodernamento. 
Verso la fine di aprile l’industriale, un 58enne attivo nel Legnanese, aveva infatti denunciato ai carabinieri della Compagnia di Legnano che ignoti avevano incendiato, danneggiandola, la serranda del garage della propria abitazione a Legnano. In seguito a questo episodio aveva cominciato a ricevere, sul suo telefono e su quello della moglie, telefonate minacciose in cui l’anonimo interlocutore minacciava di commettere ulteriori danni nel caso in cui l’imprenditore non avesse pagato gli asseriti debiti che aveva contratto in una delle sue attività, e anche di fare del male alla moglie e di conoscere i suoi spostamenti e quelli della sua famiglia. 
Dopo le indagini, gli investigatori dell’Arma lo hanno individuato e arrestato. (ANSA).

MILANO - Un pluripregiudicato di 67 anni, originario della provincia di Reggio Calabria, è stato arrestato nel Milanese dai carabinieri per estorsione e danneggiamento nei confronti di un imprenditore edile che non riusciva a far fronte ai suoi debiti dopo una serie di investimenti di ammodernamento. Verso la fine di aprile l’industriale, un 58enne attivo nel Legnanese, aveva infatti denunciato ai carabinieri della Compagnia di Legnano che ignoti avevano incendiato, danneggiandola, la serranda del garage della propria abitazione a Legnano. 

In seguito a questo episodio aveva cominciato a ricevere, sul suo telefono e su quello della moglie, telefonate minacciose in cui l’anonimo interlocutore minacciava di commettere ulteriori danni nel caso in cui l’imprenditore non avesse pagato gli asseriti debiti che aveva contratto in una delle sue attività, e anche di fare del male alla moglie e di conoscere i suoi spostamenti e quelli della sua famiglia. Dopo le indagini, gli investigatori dell’Arma lo hanno individuato e arrestato. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?