Salta al contenuto principale

Tentato omicidio nel reggino, arrestati da polizia
mandanti ed esecutori dell'agguato a Ieranò

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

POLISTENA (Reggio Calabria) - Sette persone sono state arrestate dalla polizia del commissariato di Polistena, in provincia di Reggio Calabria, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Palmi Paolo Ramondino su richiesta dei pm Enzo Bucarelli e Gianluca Gelso per tentato omicidio aggravato continuato e in concorso. Secondo l’accusa i sette, a vario titolo, avrebbero partecipato al tentato omicidio del 41enne Rocco Francesco Ieranò, avvenuto il 25 luglio del 2012 a Cinquefrondi. 

Gli arrestati sono Vasvi Beluli, macedone di 31 anni residente a Canino (VT); Arben Ibrahimi, kosovaro di 28 anni residente a Canino (VT); Sebastiano Malavenda, 28enne reggino; Salvatore Callea, 46enne originario di Oppido Mamertina ma residente a Canino (VT); Mauro Graziano Uras, 42enne di Canino (VT); Salvatore Patania e Giuseppe Patania, rispettivamente di 35 e 33 anni entrambi di Vibo Valentia. Beluli e Ibrahimi sono accusati anche del reato di porto illegale e ricettazione di armi. Esecutori materiali del tentato omicidio sarebbero Beluli e Obrahimi, che sarebbero stati assoldati dai fratelli Fossari e dal loro cognato Vecchiè, sottoposti a fermo dalla polizia di Polistena lo scorso 27 giugno) i quali volevano vendicare l'omicidio del loro congiunto Francesco Fossari, avvenuto il 2 agosto 2011 a Melicucco. Per quest’ultimo delitto sono in attesa di giudizio Giuseppe Bruzzese, 21enne di Cinquefrondi, e Rocco Francesco Ierinò, arrestati nell’ambito della stessa operazione del 27 giugno scorso. Gli altri arrestati odierni, ossia Malavenda, Callea, Uras e i fratelli Patania, avrebbero materialmente procacciato i due killer e avrebbero gestito i contatti tra questi ultimi e i presunti mandanti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?