Salta al contenuto principale

Nuova grana per Cisterna, chiesto il rinvio a giudizio
Avrebbe falsificato la presenza ad una lezione

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

REGGIO CALABRIA - Il sostituto procuratore di Reggio Calabria, Beatrice Ronchi, ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti del giudice Alberto Cisterna, indagato per il reato di falso con riferimento alle lezioni che avrebbe tenuto negli scorsi anni presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria. Stando alle indagini, nell'anno accademico 2009-2010, Cisterna avrebbe attestato falsamente nel registro didattico dell'Università di avere svolto regolarmente lezioni anche in alcuni periodi del 2009 e 2010 mentre in realtà si trovava fuori da Reggio Calabria. Si tratta dell’ennesima vicissitudine giudiziaria che investe l’ex numero due della Direzione Nazionale Antimafia. Nel corso degli ultimi anni, Cisterna sarà indagato per corruzione in atti giudiziari sulla scorta delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Nino Lo Giudice. Un’accusa che verrà archiviata su esplicita richiesta della Dda di Reggio Calabria, ma che costerà a Cisterna il trasferimento dalla Dna al ruolo di giudice civile presso il Tribunale di Tivoli. Cisterna è tuttora imputato per il reato di calunnia nei confronti dell’allora dirigente della Squadra Mobile di Reggio Calabria, Luigi Silipo. 

In quella sede, Cisterna risponde per un esposto presentato nei confronti di Silipo, redattore di un'informativa sui presunti contatti tra l'ex numero due della Direzione Nazionale Antimafia e Luciano Lo Giudice, considerato l'anima imprenditoriale dell'omonima cosca di 'ndrangheta. Un'informativa, quella realizzata da Silipo, che avrebbe contenuto diversi errori e incongruenze, che porteranno Cisterna all'esposto nei confronti dell'allora funzionario reggino, oggi capo della Squadra Mobile di Torino. Con l'archiviazione delle accuse nei confronti di Silipo, però, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria ha scelto di procedere nei confronti di Cisterna per il reato di calunnia con un procedimento che dovrebbe concludersi in primo grado alla fine di settembre.
IL SERVIZIO COMPLETO SULL'EDIZIONE CARTACEA DI OGGI DEL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA ACQUISTABILE ANCHE ON LINE

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?