Salta al contenuto principale

Dal Venezuela via libera all'estradizione
Aldo Micciché sarà consegnato alla Dda

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

CARACAS - Il Tribunale supremo di Caracas ha dato via libera all’estradizione in Italia «per il delitto di associazione mafiosa» del faccendiere calabrese Aldo Miccichè, arrestato un anno fa a Caracas, dove viveva da molti anni. Miccichè - nato a Maropati (Reggio Calabria), un centro della piana di Gioia Tauro, e con cittadinanza venezuelana acquisita - era stato arrestato il 24 luglio dell’anno scorso in esecuzione di un mandato di cattura per l’estradizione emesso su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Reggio Calabria (CLICCA PER LEGGERE LE ACCUSE MOSSE A MICCICHE'). Ad autorizzare l’estradizione è stata la Sala di Cassazione penale della Corte. A Caracas, Miccichè è agli arresti domiciliari e - precisa la Corte - «vi rimarrà fino al momento della consegna alle autorità italiane». Il Tribunale ha tra l’altro ritenuto di non applicare la normativa che blocca le estradizioni nel caso in cui la condanna della persona accusata prescrive sulla base della legge dello Stato richiedente o concedente. «In questo caso - precisa la Corte - la prescrizione non è infatti avvalorata da alcun elemento. L’estradizione non può essere concessa neppure per quei delitti per i quali gli stati richiedenti prevedono la pena di morte o l’ergastolo». E, puntualizza ancora la sentenza, «la privazione della libertà e prevista per un periodo non superiore ai 30 anni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?