Salta al contenuto principale

Reggio, Alberto di Pace alla guida dell'Agenzia per i beni confiscati

Calabria

A comunicare la decisione è stato il ministro dell'Interno Roberto Maroni al termine del Cdm

Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

Alberto Di Pace guiderà l’agenzia per i beni confiscati alla mafia che avrà sede a Reggio Calabria. Lo ha reso noto il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, al termine del Consiglio dei Ministri. «L'agenzia è stata designata nella sua composizione – ha aggiunto Maroni – e entro la fine di febbraio tornerò a Reggio Calabria per insediarla nell’immobile già destinato all’uso dal sindaco».

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SULL'AGENZIA
PER I BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA
NEL FASCICOLO AD AGGIORNAMENTO DINAMICO

Maroni ha ricordato che «oggi entra il vigore il decreto» che il Cdm varò a eggio Calabria e ha aggiunto che «contestualmente il presidente del Consiglio ha emanato un Dpcm con cui vengono indicati gli altri membri dell’agenzia. Si tratta di Carlo Meloni per il ministero dell’Interno, di Alberto Cisterna sostituto procuratore Antimafia e di Maurizio Prato in rappresentanza del ministero dell’Economia.

ALBERTO DI PACE - La Scheda

Il prefetto Alberto Di Pace, 50 anni, napoletano sposato e con un un figlio. Laureatosi in Giurisprudenza nel 1971 presso l’Università degli Studi di Napoli, Di Pace è entrato in carriera nel settembre 1973, ed è stato promosso Viceprefetto Ispettore nel gennaio 1985 e nominato Viceprefetto il 10 febbraio 1989. Ha prestato servizio a Sondrio, ove ha diretto l’Ufficio Elettorale Provinciale; Brescia, dall’aprile 1976, dove ha diretto l’Ufficio Elettorale Provinciale ed ha svolto le funzioni di Capo di Gabinetto; Roma, presso il Ministero, Direzione Generale della Protezione Civile e dei Servizi Antincendi, dal settembre 1981 ove, dal 1984, ha diretto, con le funzioni superiori, l’Ufficio Coordinamento e Affari Generali; Segreteria del Sottosegretario di Stato Spini, dal dicembre 1987, dove ha espletato l’incarico di Consigliere giuridico e addetto stampa e, successivamente, quello di Capo della Segreteria; Ministero degli Affari Esteri, dall’agosto 1992 in posizione di comando, per le esigenze del Gabinetto del Ministro; Ministero dell’Ambiente, dall’agosto 1993, ancora in posizione di comando, quale Vice Capo di Gabinetto.

Di Pace viene nominato prefetto il 28 gennaio 1994. Ha svolto le funzioni di Componente della Commissione di Controllo sugli atti della Regione Campania, in posizione di fuori ruolo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri; di Componente Coordinatore della Commissione Consultiva del Ministro per le Aree Urbane per interventi urgenti per il risana mento e lo sviluppo della città  di Reggio Calabria, permanendo in posizione di fuori ruolo, dal primo aprile al 30 novembre 1994.

Dal dicembre 1994 al giugno 1995 ha svolto l’incarico di Componente della Commissione Straordinaria per la gestione del Comune di San Giovanni La Punta (CT), a seguito dello scioglimento del Consiglio Comunale ai sensi della legge 22 luglio 1991, n. 221 (infiltrazioni mafiose; Direttore Centrale della Protezione Civile e dei Servizi Logistici presso la Direzione Generale della Protezione Civile e dei Servizi Antincendi, dal IO luglio 1995; Prefetto di Siracusa, dal 13 marzo 2000; Prefetto di Catania, dal 20 dicembre 2000; Prefetto di Catanzaro, dal 30 dicembre 2003; Commissario dello Stato per la Regione Siciliana, in posizione di fuori ruolo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal 24 dicembre 2009.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?