Salta al contenuto principale

'Ndrangheta, il "Re del Videopoker" accusato di evasione del Fisco

Calabria

Accertata un’evasione fiscale per 7,7 milioni di euro di cui si sarebbe reso responsabile Gioacchino Campolo, di 72 anni detto il 're del videopoker'

Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

La Guardia di Finanza ha accertato un’evasione fiscale per 7milioni e 700mila euro di cui si sarebbe reso responsabile Gioacchino Campolo (LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL RE DEL VIDEO POKER), di 72 anni, conosciuto come il 're del videopoker', condannato il 14 gennaio scorso a 18 anni di reclusione per estorsione aggravata dalle modalità mafiose.

Campolo, arrestato nel gennaio del 2009 e accusato di avere imposto la collocazione dei propri videopoker a decine di titolari di locali pubblici, avrebbe manomesso la apparecchiature per evitare che gli incassi venissero trasmessi ai Monopoli di Stato. All’imprenditore, nel luglio del 2010, furono sequestrati beni per un valore di 330 milioni di euro, tra cui 260 immobili a Reggio Calabria, Parigi, Roma, Milano e Taormina, ed una collezione d’arte composta anche da quadri di Dalì, Guttuso e De Chirico. L’accertamento che ha portato alla scoperta dell’evasione fiscale è stato condotto dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Reggio Calabria.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?