Salta al contenuto principale

Terremoti: Nuova scossa tra Calabria e Basilicata, è allarme sul Pollino

Calabria

Nuova scossa di terremoto ieri sera dopo le due registrate nei giorni scorsi, ed un altra avvertita ieri mattina che hanno interessato alcuni centri della Calabria e della Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

Ancora un evento sismico è stato avvertito in serata dalla popolazione nelle province di Potenza e Cosenza. Registrato alle ore 22.25, aveva una magnitudo di 3.2. L'epicentro è stato localizzato tra i comuni di Mormanno (Cs), Laino Castello (Cs) e Rotonda (Pz). Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile, non risultano al momento danni a persone o cose. Nella giornata di ieri una scossa sismica di magnitudo 2.6 era stata lievemente avvertita alle ore 10.31 dalla popolazione nelle province di Cosenza e Potenza e le località prossime all’epicentro sono state ancora una volta i comuni di Mormanno e Laino Castello in provincia di Cosenza, e il comune di Rotonda in provincia di Potenza. Nella stessa zona del Pollino giovedì, erano state registrate altre due scosse, di magnitudo 2.6 e 3.3.

ALLARME NEL POLLINO PER LO SCIAME SISMICO

E' ormai allarme tra le popolazioni dell’area del Pollino tra Calabria e Basilicata per lo sciame sismico senza fine che interessa la zona. Da settembre 2010 ad oggi l’area del massiccio che segna il confine tra le due regioni – come ha rilevato recentemente l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia – è stata interessata da oltre 500 terremoti (517 registrati con l’ultimo episodio della tarda serata di ieri magnitudo 3,2). Sempre ieri sono stati rilevati movimenti tellurici praticamente per tutto il giorno: una situazione che sta provocando apprensione tra gli amministratori locali e gli abitanti dei comuni di Laino Borgo, Laino Castello, Mormanno (in provincia di Cosenza) e Rotonda, Viggianello, Castelluccio Inferiore e Castelluccio Superiore (Potenza). La scossa più forte in assoluto della lunga sequenza è quella registrata dagli strumenti dell’Ingv lo scorso 23 novembre, pari a 3,6, nel trentunesimo anniversario del disastroso sisma che colpì l’Irpinia. A preoccupare è la sequenza degli episodi, molti dei quali avvertiti distintamente dalla popolazione, che si stanno verificando da tempo e che sono del tutto anomali rispetto alla storia di quest’area che, pur considerata ad alto rischio sismico, non ha episodi documentati di particolare gravità. I tecnici dell’Ingv stanno seguendo il fenomeno alla ricerca di tracce che, attraverso lo studio degli strati del terreno, documentino il verificarsi di terremoti del passato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?