Salta al contenuto principale

Metropolitana Cosenza-Rende, il Pd suona la sveglia, e l'assessore Gentile ribatte

Calabria

L’accusa da parte del Pd. Principe, Guccione e Maiolo chiedono alla Regione il cronoprogramma dell’opera. L'assessore Gentile: "I fondi sono a disposizione"

Tempo di lettura: 
3 minuti 39 secondi

«Quando si appalteranno i lavori per la metropolitana Cosenza - Rende?»: il quesito, chiaro e secco, è stato avanzato con toni critici dal Pd, a pochi giorni dalla fine del 2011. Il partito democratico chiede dunque un «chiarimento ufficiale sul come e quando verranno appaltati i lavori della metropolitana», inoltrata alla Regione Calabria con spunti polemici nei confronti anche dell’amministrazione comunale di Cosenza, quella che i consiglieri regionali Sandro Principe, Mario Maiolo e Carlo Guccione nonché il sindaco di Rende, Vittorio Cavalcanti, hanno ufficializzato ieri in occasione di una conferenza stampa. Sulla metropolitana Cosenza-Rende, il gruppo regionale del Pd palesa «preoccupazione» per i ritardi della gara d’appalto e la mancanza di risposte chiare e certe. «Non stiamo parlando solo di un progetto - ha evidenziato Guccione - bensì di costruire una grande area urbana in una regione dove in realtà non esiste. Chiediamo un preciso impegno della Regione sui tempi d’avvio della gara d’appalto e di realizzazione. Ma evidentemente c’è un tentativo di impedire il decollo dell’area urbana Cosenza- Rende- Montalto», come stigmatizzato altresì da Sandro Principe: «Forse questo progetto dà fastidio a qualcuno, forse si tenta di non far decollare questo territorio. Dispiace che ci siano questi tentativi di emarginare il territorio cosentino tutto. E sembra che ci sia un filo perverso tra il comune di Cosenza e la Regione». Così come il capogruppo del Pd, ritiene che ci sia un «arretramento forte sul comune sentire di realizzare l’area urbana, seppure i tempi siano oramai maturi. In un momento così delicato dove l’Italia è sul ciglio di una recessione, non ci si può concedere il lusso di perdere 200 milioni di finanziamenti. Il progetto va appaltato subito, così come è stato fatto per la metropolitana di Catanzaro, e poi dopo potranno essere apportati eventuali miglioramenti, che devono essere compatibili con il progetto». Maiolo ha sottolineato altresì la «preoccupazione sia per i ritardi dell’appalto, che per il livello politico-culturale. Manca la cultura del confronto. Non si capisce ancora se c’è la reale volontà di realizzare la metropolitana, e sia la Regione che il sindaco di Cosenza devono esprimere una posizione chiara». «Non ci fermeremo - ha concluso Guccione - ed incalzeremo sull’area urbana».

La risposta dell'assessore regionale ai lavori pubblici Gentile L'assessore Giuseppe Gentile (in foto) è intervenuto a seguito delle considerazioni fatte dagli Partito Democratico: «Alcuni rappresentanti del Pd cosentino, per occupare spazio e titoli sulla stampa locale, non trovano di meglio – ha detto Gentile – che mettere in discussione il lavoro fatto dalla Giunta Scopelliti sulla metropolitana leggera di Cosenza. Costoro, che in passato hanno prodotto solo carte, hanno già dimenticato che il cospicuo finanziamento di centosessanta milioni di euro, un importo così rilevante non trova riscontro nella storia della città di Cosenza, è stato messo a disposizione quest’anno, grazie a questa Giunta, di cui faccio parte, interamente con fondi della Comunità Europea». «Per evitare confusione e strumentalizzazioni varie - prosegue Gentile – devo precisare quanto segue: 1) la Regione, il 25 ottobre scorso, ha trasmesso la scheda 'Grande Progetto' della Metropolitana alla Commissione Europea, ricevendone l'ammissibilità; 2) la Regione, proprio nei giorni scorsi e, precisamente, il 13 dicembre, ha incontrato, a Lussemburgo, i tecnici della Banca Europea degli Investimenti (Bei), ricevendo l'assenso preliminare che l’opera rientra 'nei criteri di eleggibilità della Banca'; 3) la Regione ha proceduto, con nota del 20 dicembre scorso, a predisporre tutti gli atti necessari affinchè la Stazione Unica Appaltante proceda, entro il prossimo 10 gennaio, alla pubblicazione della gara per la Validazione del Progetto, così come previsto dalla legge; 4) la Regione ha già interessato la Sua affinchè proceda, dopo la Validazione, alla Gara Europea per l’appalto dei Lavori, ricevendone l’assenso. Tutto ciò detto, deve servire, una volta per tutte, a fare chiarezza su un’opera di importanza vitale per la città di Cosenza e per tutta l’area urbana - ha detto ancora Gentile - e, allo stesso tempo, ad evitare di ripetere, un giorno si ed un giorno no, il dubbio che la metropolitana possa essere realizzata». «Chi cerca di addebitare al Presidente Scopelliti responsabilità ed intrighi per spogliare Cosenza di tutte queste risorse messe già a disposizione – sostiene ancora l'assessore regionale – può dormire sonni tranquilli. In passato, nemmeno un euro è stato investito per la città. Battute a parte, ribadiamo, così come ampiamente già detto nella Conferenza stampa tenutasi nel salone di rappresentanza della città di Cosenza, che l’opera sarà realizzata nei tempi previsti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?