Salta al contenuto principale

Esami falsi all'Unical, spuntano due nomi eccellenti

C'è anche un docente della facoltà di Lettere

Calabria
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

COSENZA - Alle 75 persone già coinvolte nell'inchiesta sugli esami falsi all'Università della Calabria se ne aggiungono altre due. E tra di loro c'è il primo docente: si tratta di Daniele Gambarara, ordinario di Filosofia del linguaggio. All'epoca, il professore era anche presidente del corso di laurea in Filosofia e scienze della comunicazione e della conoscenza. L'altra persona che entra nella vicenda è il giornalista Rai Pino Nano, ex capo della redazione calabrese e attualmente responsabile dell'Agenzia nazionale della Tgr. 

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE
NEL FASCICOLO AD AGGIORNAMENTO DINAMICO
SULL'OPERAZIONE CENTODIECI E LODE

Anche per loro è già stato notificato un provvedimento di chiusura delle indagini preliminari da parte delle Procure di Cosenza e Catanzaro che stanno portando avanti l'inchiesta che ha sconvolto la comunità accademica di Arcavacata di Rende. Altri quattro provvedimenti, anch'essi come gli altri due firmati dai pm Bruno Tridico e Alessia Miele, sono stati redatti nei confronti dipersone che già erano coinvolte nel caso. Si tratta della capo ufficio della segreteria di Lettere, Lina Fortunato Candido, della tutor Angela Magarò, dell'addetta di segreteria Paola Volpe, della studentessa Teresa Marino. Per loro, adesso, spuntano nuovi capi d'imputazione riferiti a nuove vicende.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?