Salta al contenuto principale

'Ndrangheta, non solo arresti a Lamezia

Sequestrati beni per 1,2 milioni di euro

Calabria
Tempo di lettura: 
1 minuto 56 secondi

CATANZARO - Nell'ambito dell'operazione Perseo sono stati anche sequestrati beni per un valore di 1.200.000 euro a carico di cinque imprenditori ritenuti affiliati alla 'ndrangheta lametina.

I sigilli sono stati apposti dai militari del gruppo della guardia di finanza di Lamezia Terme, che hanno preso parte alle indagini. I reati contestati dai finanzieri spaziano dall’associazione a delinquere di tipo mafioso, all’estorsione, alla ricettazione, fino al possesso di materiali esplodenti. Nei confronti di due degli imprenditori, operanti nel settore dell’edilizia, è stato stigmatizzato, oltre al reato di associazione di tipo mafioso, il reimpiego di valori di provenienza illecita.

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI
NEL FASCICOLO DINAMICO
SULL'OPERAZIONE PERSEO

E' stato infatti acclarato che impiegavano in attività economiche edili il denaro provento delle attività usurarie svolte dai sodali della cosca di ‘ndrangheta, soprattutto mediante l’acquisto di terreni, che procedevano a “lottizzare” e ad edificare, per la successiva cessione a terzi estranei all’organizzazione delinquenziale. sono stati svolti nei loro confronti anche accertamenti patrimoniali, individuando beni mobili ed immobili per un valore complessivo di circa 1.200.000 euro, sottoposti a sequestro. Un terzo imprenditore, anch’esso operante nel contesto dell’edilizia, ha partecipato all’associazione criminale con il compito, tra gli altri, di custodire e investire denaro della cosca, avviando imprese edili per conto della medesima organizzazione. Inoltre lo stesso è accusato di estorsione, per aver indebitamente preteso somme di denaro da altri imprenditori, nonché ricettazione, per aver custodito un motociclo di provenienza furtiva, consegnandolo successivamente ad un “gruppo di fuoco” dell’organizzazione criminale, al fine di perpetrare un omicidio.

Un ulteriore imprenditore, operante nel settore della fabbricazione di artifizi pirotecnici, ha fornito in varie occasioni esplosivo a diverse cosche di ‘ndrangheta, che lo hanno utilizzato per compiere danneggiamenti a fini estorsivi a danno di altri imprenditori ovvero contro organizzazioni criminali contrapposte. infine, un commerciante di abbigliamento si è visto attribuire le accuse di ricettazione e favoreggiamento personale, per avere fornito appoggio logistico alla cosca di ‘ndrangheta, per la quale occultava e custodiva automezzi rubati da utilizzare anche in azioni criminali nei confronti di affiliati a cosche avversarie. Il sequestro di beni eseguito di oggi completa ed integra quello eseguito, nei mesi scorsi, dagli stessi militari del gruppo di Lamezia Terme nel corso dell’ operazione “Medusa“, in cui furono appresi beni illecitamente accumulati dalla medesima consorteria criminale per un valore stimato di oltre 2 milioni di euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?