Salta al contenuto principale

Resta viva dopo un volo di oltre 60 metri da un viadotto della Salerno-Reggio Calabria: muore in ospedale

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il ponte da dove la donna si è lanciata
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal maggio 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

PIZZO (VIBO VALENTIA) - Dopo un volo di 70 metri era rimasta miracolosamente viva. L'episodio si è verificato questo pomeriggio intorno alle 15.30 lungo il Viadotto sopra la città di Pizzo.

Una donna di 41 anni, affetta da problemi psichici, si è lanciata nel vuoto da un'altezza di circa 60 metri. La donna, Sonia Pontoriero residente nel Vibonese, aveva affittato un'auto a noleggio a bordo della quale ha raggiunto l'imponente ponte autostradale e dopo aver superato le barriere di protezione si è lasciata cadere nel vuoto.

Sul posto sono immediatamente intervenuti gli uomini della Polizia stradale coordinati dal vicequestore aggiunto Pasquale Ciocca, i Vigili del Fuoco di Vibo, il 118, ed i carabinieri della Stazione di Pizzo agli ordini del maresciallo Paolo Fiorello, nonché il personale dell'Anas. Grande la sorpresa nel constatare le condizioni gravissime della donna ma ancora in vita dopo un salto nel vuoto da tale dimensione. Portata in elisoccorso in ospedale, è morta però poco dopo.

Restano oscuri i motivi del gesto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?