Salta al contenuto principale

Badante narcotizza e rapina due anziani coniugi a Crotone

Il gip convalida l'arresto in carcere della donna

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Angela Alupoae arresta dai carabinieri
Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

CROTONE - La badante accusata di aver narcotizzato e rapinato una coppia di anziani a Crotone resterà in carcere. È stato, infatti, convalidato, dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Crotone, il fermo di indiziato di delitto eseguito dai carabinieri della Compagnia di Crotone nei confronti di Angela Alupoae, la badante romena che, come detto, è accusato da aver narcotizzato e rapinato due anziani ottantenni a Crotone (LEGGI LA NOTIZIA).

Il gip ha ritenuto valido l’impianto investigativo improntato dai carabinieri, concordando con le prove raccolte e confermando il pericolo che la donna potesse darsi alla fuga e, conseguentemente, la necessità di mantenere la sua permanenza in carcere.

La trentacinquenne, quindi, rimane nel carcere femminile di Castrovillari. Secondo quanto emerso dalle indagini la donna, dopo avere narcotizzato l’anziano vittima della rapina e la moglie, avrebbe inserito di proposito una chiave nella toppa della porta di casa, al fine di ritardare i possibili soccorsi o comunque rendere impossibile l’accesso dal di fuori nell’abitazione. La donna, secondo la ricostruzione dei fatti, avrebbe destato qualche sospetto essendo giunta nell’abitazione dei due anziani senza alcun bagaglio. La badante, tuttavia, avrebbe, secondo la ricostruzione dei militari, tratto in inganno i congiunti dei due anziani per avere mostrato competenza e cura nell’assistenza della donna costretta a letto da una malattia. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?