Salta al contenuto principale

Gelo nell'aula bunker di Vibo Valentia, Patania: «Ho assoldato io i killer per uccidere Scrugli»

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il luogo dell'omicidio di Francesco Scrugli
Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal maggio 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA -  «Ho assoldato io Vasvi Beluli e Arbem Ibrahimi perché dovevano uccidere Francesco Scrugli. L'ho fatto per vendetta perché quel giorno (il 18 sttembre 2011, ndr) in cui è stato ucciso mio padre Fortunato io ero lì e l'ho riconosciuto».

La frase di Giuseppe Patania riecheggia in un'aula bunker che la ascolta in silenzio. C'è il processo "Romanzo criminale" che vede alla sbarra i componenti della famiglia di Stefanaconi e presunti sodali.

L'imputato, sottoponendosi all'esame del pm della Dda Andrea Mancuso, ha riferito di aver preso i due killer macedoni a Canino (a Latina) agli inizi del 2012 che avrebbe poi "assoldato pagando loro la somma di 10mila euro". Un omicidio, quello di Scugli, che «era stato ideato da me e da Daniele Bono (collaboratore di giustizia, ndr) ma del quale la mia famiglia non era a conoscenza. Per uccidere Scrugli erano stati impiegati Beluli e Mauro Uras unitamente ad una terza persona che li ha portati a Vibo Marina».

Francesco Scrugli fu ammazzato la sera del 21 marzo del 2012 in un agguato a Vibo Marina nel corso del quale rimasero feriti Rosario Battaglia e Raffaele Moscato (anch'egli collaboratore di giustizia) e rappresenta uno degli omicidi eccellenti della faida tra i Patania e il gruppo dei Piscopisani.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?