Salta al contenuto principale

'Ndrangheta, riciclava soldi in Piemonte e Lombardia

Sequestrati i beni ad un imprenditore calabrese

 

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Un militare della Dia
Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

REGGIO CALABRIA - Il centro operativo Dia di Torino ha dato esecuzione al decreto di sequestro anticipato di beni, emesso dal locale Tribunale, nei confronti di Francesco Ietto, 54 anni, ritenuto affiliato al locale di 'ndrangheta di Natile di Careri (Reggio Calabria) e condannato, con sentenza passata in giudicato, a 7 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa, nell’ambito dell’operazione "Crimine-Infinito".

L’uomo, appartenente alla famiglia Ietto-Testa Grossa operante in Calabria, in provincia di Torino e nel basso milanese, nonostante la condanna, pur trovandosi agli arresti domiciliari, continuava a riciclare i proventi di origine illecita, utilizzando numerose società a lui riconducibili, motivo per il quale è stato arrestato, nel 2015 nell’ambito dell’operazione "Panamera".

Il sequestro era stato chiesto dal Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, Nunzio Antonio Ferla, al termine di un’indagine patrimoniale che ha portato alla luce il reinvestimento di denaro di provenienza illecita in un contesto societario. Tra i beni sequestrati, tutti di proprietà o riconducibili a Ietto, figurano 4 società, oltre 30 mezzi (tra camion e autovetture) e 5 rapporti finanziari.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?