Salta al contenuto principale

Il dramma di Casella, cerebralmente morto il piccolo Giuseppe

Autorizzato l'espianto organi, grave il padre di origini calabresi

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
La casa distrutta dalle fiamme
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

GENOVA - È stata dichiarata la morte cerebrale del piccolo Giuseppe, il bambino di otto anni che nella notte tra venerdì e sabato è rimasto coinvolto con la mamma Vincenza Sansone, 50 anni, e il papà Alessio Fraietta, 49 anni originario di Verzino (Crotone), in un incendio domestico a Casella, comune dell’entroterra di Genova. Il rogo nella notte ha distrutto la loro abitazione, il piccolo era stato fasciato in una coperta e lanciato nel vuoto in un disperato tentativo dei genitori di salvarlo dalle fiamme.

La mamma del piccolo Giuseppe ha dato l’autorizzazione all’espianto degli organi dopo l’avvio delle procedure per l’accertamento della morte cerebrale del bimbo. Lo ha reso noto la direzione sanitaria dell’ospedale Gaslini di Genova, dove il piccolo era ricoverato. La mamma ha dato il consenso alla donazione dall’ospedale Villa Scassi di Sampierdarena, dov'è ricoverata da ieri per le ferite riportate nella caduta.

La famiglia era rimasta intrappolata all’interno della propria abitazione bloccata da un incendio nel loro appartamento al secondo piano di uno stabile invaso dal fumo e dalle fiamme. A dare l’allarme la mamma del piccolo che ha chiamato i soccorsi intorno alle tre 3 di notte implorando aiuto: "Venite subito, brucia tutto". Sotto l’abitazione si erano radunati alcuni vicini che non sono riusciti ad aiutare i genitori a mettere in salvo il piccolo che in un disperato tentativo di salvarsi e mettere il bambino al sicuro hanno tentato la fuga attraverso una finestra, lanciandosi nel vuoto da un’altezza di 5 metri per sfuggire al rogo. Il bambino è stato ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale “Gaslini” di Genova con un edema cerebrale.

Gravissime le ferite riportate nella caduta, dal secondo piano dello stabile. In queste ore si sono aggravate anche le condizioni del papà, Alessio Fraietta che insieme alla moglie si è gettato anche lui attraverso una finestra per trovare scampo dalle fiamme. Operato all’ospedale Galliera di Genova ha riportato gravi traumi nella caduta e un problema cardiovascolare sopravvenuto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?