Salta al contenuto principale

Cresce il numero dei Comuni infiltrati dalla mafia

Sciolti due Consigli in Calabria: Limbadi e Platì

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il palazzo comunale di Limbadi
Tempo di lettura: 
2 minuti 21 secondi

ALTRI due Consigli comunali sciolti per infiltrazioni mafiose in Calabria. 

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, ha infatti deliberato lo scioglimento dei Consigli comunali di Limbadi, in provincia di Vibo Valentia, e di Platì, in provincia di Reggio Calabria. 

Con essi sono stati sciolti anche i Consigli di Bompensiere (Caltanissetta), Caivano (Napoli), Manduria (Taranto), anch in questo caso "in ragione delle riscontrate ingerenze da parte della criminalità organizzata".

Prorogato per una durata di sei mesi, lo scioglimento dei Consigli comunali di Casavatore e Crispano, entrambi nel Napoletano, in ragione della necessità di proseguire l’opera di risanamento dagli accertati condizionamenti da parte della criminalità organizzata.

La Commissione di accesso agli atti era stata nominata a Limbadi il 4 agosto dello scorso anno. L'amministrazione comunale era guidata dal sindaco Giuseppe Morello, a capo di una lista civica di estrazione di centrosinistra. Il secondo scioglimento per infiltrazioni mafiose degli organi elettivi del Comune di Limbadi. La prima volta era stato sciolto d'autorità dal presidente della Repubblica, Sandro Pertini, poicheéal secondo posto fra gli eletti in Consiglio comunale figurava Francesco Mancuso, patriarca e fondatore dell'omonimo clan. Non esisteva all'epoca una legge sullo scioglimento degli enti locali per infiltrazioni mafiose.

Dopo la decisione del Consiglio dei Ministri, è intervenuto il sindaco di Limbadi, Pino Morello, commentando: «Noi la 'ndrangheta l’abbiamo sempre combattuta con i fatti e non con le parole. Non abbiamo mai affidato un appalto o un incarico senza certificato antimafia. E non abbiamo mai effettuato lavori con la procedura della somma urgenza. La nostra é stata un’amministrazione adamantina. E adesso ci fanno passare per mafiosi. Tutto questo é assurdo». 

«Sono un comunista da sempre - ha aggiunto Morello all'Ansa - e questo evidentemente ha dato fastidio. Non era tollerato un sindaco comunista per amministrare un paese in cui l’economia é sana, con aziende che hanno rapporti commerciali in tutto il mondo, malgrado la provincia di Vibo Valentia sia la più povera del Paese. Ha dato fastidio, evidentemente, il fatto che io sia una persona fuori dal coro. Ho chiesto più volte al Prefetto di Vibo Valentia di essere ricevuto, e questo ben prima dell’insediamento della Commissione d’accesso, ma non mi é stata data mai una risposta. Io i Mancuso li ho contrastati seriamente sin dal 1974, assieme ai comunisti di Limbadi. Eppure, da quando ci siamo insediati come Amministrazione, nove mesi fa, siamo stati sempre sulla graticola per l’attenzione soffocante da parte degli organi inquirenti ed investigativi. A Limbadi non c'é stata una commissione d’accesso, ma una santa inquisizione».

«Sono inviperito - conclude il sindaco - perché non solo il Comune di Limbadi, ma l’intero paese non meritava tutto questo. Farò ricorso al Tar contro lo scioglimento, lo vinceremo e denuncerò tutti coloro che in questa vicenda hanno manipolato i fatti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?