Salta al contenuto principale

Banda di slavi mette a segno rapine tra Cosenza e Catanzaro

I carabinieri scoprono il covo e fermano uno dei 4 componenti

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Gli "attrezzi" della banda di rapinatori
Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

CORIGLIANO CALABRO (COSENZA) - Nel corso dell'ultimo mese hanno messo a segno diverse rapine tra le province di Cosenza e Catanzaro, ma a fermarli ci hanno pensato i carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro che hanno individuato il covo utilizzato da una banda di slavi riuscendo anche a fermare uno dei presunti responsabili.

In manette è finito Elvis Radosavljevic, 24 anni, serbo residente nel campo nomadi di Secondigliano (Napoli), noto alle forze dell’ordine, che è stato sottoposto a fermo con l'accusa di rapina.

Le indagini sono iniziate il 5 luglio dopo una rapina in una casa di Albidona, comune in provincia di Cosenza.

Quattro banditi sono state sorpresi dalla proprietaria e dalla figlia che sono state aggredite. La descrizione fornita dalle donne ha permesso ai carabinieri di risalire alla banda formata da slavi e sulle cui tracce erano da tempo. Al fermo i carabinieri sono giunti dopo diversi appostamenti e pedinamenti.

In una officina nella frazione di Schiavonea hanno trovato 4 auto con motori modificati su una delle quali era stata una sirena, targhe straniere, passamontagna, guanti e martelli da scasso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?