Salta al contenuto principale

Trascorrere le vacanze in macchina tra lunghe code

La Calabria fa ancora i conti con traffico e cantieri

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
I lavori di questi giorni sulla statale 107
Tempo di lettura: 
2 minuti 25 secondi

COSENZA - Dall’agognato relax allo stress più logorante il passo sembra essere breve sulle strade che da Cosenza e dall’area urbana conducono al mare e in montagna. Lo scorso venerdì code chilometriche si sono registrate sulla Strada statale 107 a causa dei lavori di rifacimento del manto stradale all’altezza dello svincolo dell’Università della Calabria.

Automobilisti infuriati per il discutibile “tempismo” dei lavori da parte dell’Anas. Nella giornata di ieri invece sull’A2 all’altezza di Rogliano la circolazione è stata rallentata a causa di un incidente stradale. Proprio nel week end, quando la costa tirrenica e la Sila vengono prese d’assalto, il traffico va letteralmente in tilt. Luglio è stato infatti un mese di passione per gli automobilisti rimasti impantanati sulle strade sotto il sole cocente.

La spiaggia e i boschi diventano un miraggio e sui social i cittadini danno sfogo al loro disappunto. Le fasce d’orario più critiche sono la mattinata e la prima serata di sabato e domenica. Tanti i fattori che creano la congestione del traffico ma il dito è puntato sui lavori che rallentano inevitabilmente la circolazione stradale. Da diversi giorni gli automobilisti lamentano il senso alternato sulla strada statale 107 dopo la galleria della Crocetta per la messa in sicurezza della strada e la sostituzione del guardrail. Operazioni di cui non si discute la necessità ma, al contempo, viene contestata la loro attuazione in piena estate.

In effetti i cittadini si chiedono per quale motivo questo tipo di lavori non siano stati effettuati in primavera o lo scorso mese di giugno in modo da non creare problemi nei mesi di luglio e agosto.

Anche sulla Silana Crotonese la situazione non differisce di molto perché a causa dei lavori bisogna fare i conti con deviazioni e sensi unici alternati. Una situazione esasperante che spinge molti cittadini ad evitare di mettersi in macchina per una giornata al mare o in montagna. Non bisogna sottovalutare che restare nell’impasse del traffico per le famiglie con bambini e persone anziane è tutt’altro che agevole e comporta un disagio maggiore. Giungono infatti le segnalazioni più disparate in tal senso.

Dopo una settimana lavorativa si cerca di allentare la presa ma le interminabili code fanno sì che accada l’esatto contrario. In molti desistono e ormai si preferisce cercare requie nelle piscine degli alberghi e dei residence nonostante il mare, in linea teorica, sia distante meno di mezzora. Le code mettono a dura prova i nervi degli automobilisti e non mancano gli incoscienti che tentano di “scavalcare” la fila molto spesso creando dei seri pericoli per gli altri conducenti.

L’Anas ha garantito la rimozione dei cantieri sull’A2 per facilitare il prevedibile esodo estivo e l’assessore regionale ai Trasporti Roberto Musmanno ha rassicurato che per l’inizio della prossima settimana cesseranno i lavori sulle strade provinciali. É quanto si augurano i cittadini e tutti coloro che che sperano nel rilancio del turismo

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?