Salta al contenuto principale

Violenta aggressione xenofoba a Falerna nel Lametino

Un dominicano sposato in Calabria preso a calci e sprangate

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il commissariato di Lamezia Terme
Tempo di lettura: 
1 minuto 50 secondi

FALERNA (CATANZARO) - Un'aggressione xenofoba vera e propria quella che ha visto protagonista un dominicano sposato con una donna calabrese e da tempo vivente in Italia. Doveva essere una piacevole una cena con la moglie calabrese, incinta, e la suocera per festeggiare il Ferragosto, invece, è stato un incubo: l'uomo, infatti, è stato aggredito a calci, pugni e sprangate al grido di «negro di m.. Risali in macchina e vai via che qui in Calabria i negri non sono accettati».

Un’aggressione avvenuta, secondo la denuncia dell’uomo, all’esterno di un locale a Falerna, nel Lametino, dove aveva trascorso la serata e conclusa con diverse ecchimosi ed una frattura per la suocera. L’uomo, all’indomani dell'aggressione, dopo le cure in ospedale, si è presentato presso il Commissariato di Lamezia Terme della Polizia di Stato per denunciare l'accaduto.

Secondo quanto trapelato, l'uomo ha raccontato di essere andato a cena in un ristorante di Falerna dove un presunto cameriere avrebbe avuto un atteggiamento ostile per via di alcune lamentele su delle pietanze servite durante la cena. Dopo avere pagato il conto, l’uomo è uscito per avvicinare l'auto al locale e far salire la moglie incinta e la suocera. Secondo quanto riferito dalla vittima alla polizia, due persone si sarebbero avvicinate urlandogli le frasi razziste e iniziando a colpire a pugni i finestrini della vettura. Sceso per verificare i danni, l’uomo è stato affrontato dai due ai quali si sarebbe aggiunto il «presunto» cameriere con un bastone in mano. L’ultimo arrivato gli avrebbe intimato di andarsene e poi, si sarebbe rivolto ad un cittadino extracomunitario che era presente, intimandogli di cacciare via «questo negro di m.» che "non può fare come a casa sua, qui siamo in Calabria, picchialo». Obbedendo agli ordini ricevuti l’extracomunitario avrebbe iniziato a prendere a pugni la vittima mentre al gruppo si univano il presunto cameriere e le altre due persone continuando a sferrare calci e sprangate. Altri colpi hanno raggiunto la suocera dell’uomo che era accorsa a difesa dell’aggredito. Dopo avere ricevuto la denuncia dell’uomo, gli investigatori del Commissariato lametino si sono messi subito al lavoro e, secondo quanto si apprende, avrebbero già imboccato la strada buona per arrivare all’identificazione degli aggressori.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?