Salta al contenuto principale

Ex parroco di Stefanaconi indagato per mafia

chiede la restituzione dei beni sequestrati

Calabria
Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

STEFANACONI (Reggio Calabria) - L'ex parroco di Stefanaconi, don Salvatore Santaguida, ha chiesto al tribunale della libertà di Catanzaro di poter riottenere il materiale sequestratogli dai carabinieri nel corso della perquisizione compiuta nei suoi confronti nel dicembre scorso. Don Santaguida è indagato insieme all’ex comandante della stazione dei carabinieri di Sant'Onofrio, maresciallo Sebastiano Cannizzaro, per il reato di associazione per delinquere di tipo mafioso.

Il tribunale della libertà di Catanzaro ha fissato per il 15 gennaio l’udienza per l’istanza di dissequestro presentata da don Santaguida. Intanto i carabinieri di Sant'Onofrio hanno completato nelle settimane scorse l’invio alla Dda di Catanzaro tutto il materiale investigativo che il maresciallo Cannizzaro, secondo gli inquirenti, avrebbe omesso di trasmettere ai magistrati. Le indagini dei carabinieri di Vibo Valentia sono coordinate dal procuratore aggiunto della Dda di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, e dal sostituto Simona Rossi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?