Salta al contenuto principale

Pestaggio a morte di un imprenditore nel Vibonese

Nel processo chiesta la condanna a 19 anni per l'imputato

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

VIBO VALENTIA - La condanna a 19 anni di reclusione è stata chiesta dal pubblico ministero nel processo a carico di Giacomo De Salvo, l’imprenditore di 44 anni di Spilinga accusato dell’omicidio preterintenzionale di Rocco Sainato, 60 anni, altro imprenditore turistico, morto nel 2013 dopo oltre un anno e mezzo di coma in seguito ad una aggressione subita nel luglio del 2011 sulla spiaggia di Santa Maria di Ricadi (LEGGI LA NOTIZIA).

Il pm, nella requisitoria ha ricostruito i dissidi tra i due imprenditori per il transito su una strada di accesso al mare. La mattina del 10 luglio del 2011, i due vennero a contatto spalleggiati dai figli, la vittima, e da due lavoratori, l'imputato. Nel corso della rissa Sainato, titolare del villaggio «Eden», ricevette un colpo alla testa con un oggetto che non è stato individuato con certezza riportando ferite che si rivelarono fatali. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?