Salta al contenuto principale

Assolto dall'accusa di aver ucciso il cane del vicino 

L'animale colpito da un colpo di arma da fuoco nel Vibonese

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il palazzo di giustizia di Vibo Valentia
Tempo di lettura: 
0 minuti 34 secondi

SORIANO CALABRO (VIBO VALENTIA) - Assolto per non aver commesso il fatto. Questa la decisione del giudice Violetta Romano, presidente del Tribunale monocratico di Vibo nei confronti di Rosario Grillo, del luogo, accusato dell'uccisione del cane di un vicino.

I fatti risalgono al 21 agosto del 2014 quando A.B., proprietario dell'animale, sporse denuncia ai carabinieri dopo aver rivenuto lo stesso privo di vita all'interno del proprio giardino di casa.

Nel corso del processo, la parte offesa ha sostenuto che il cane sarebbe stato ucciso da un colpo d’arma da fuoco esploso dall'imputato. All’udienza di ieri, il Tribunale, concordando con l'articolata linea difensiva esposta dall'avvocato Raffaele Masciari, ha assolto Grillo con la formula ampia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?