Salta al contenuto principale

Il comune di Cosenza va in soccorso delle giovani coppie
con un fondo di garanzia per comprare la prima casa

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 1 secondo

COSENZA - Un Fondo di Garanzia per la prima casa in aiuto delle giovani coppie. E’ quello che si appresta ad istituire il Comune di Cosenza, su iniziativa dell’assessore alla Solidarietà e coesione sociale Manfredo Piazza, sulla scorta del decreto interministeriale firmato dal Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi che ha di recente istituito il Fondo di Garanzia per la prima casa, prevedendo risorse pari a 200 milioni di euro per il triennio 2014-2016. 

«Il Comune di Cosenza - spiega Piazza - stava già lavorando per la creazione di un Fondo autonomo, prevedendo apposite convenzioni con istituti di credito e fondazioni bancarie. Ecco perché la notizia del decreto Lupi deve essere salutata con particolare favore, trattandosi di una misura che assegna una particolare priorità all’accesso al credito da parte di alcune categorie svantaggiate, come le giovani coppie o i nuclei familiari monogenitoriali con figli minori, e, ancora, i conduttori di alloggi di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari e i giovani di età' inferiore ai 35 anni, titolari di un rapporto di lavoro atipico». 

Per l’assessore «è innegabile come questa modalità di sostegno costituisca un esempio di innovazione sociale, caratterizzandosi per la concretezza e la pluralità degli interessi collettivi coinvolti e tutelati. Infatti, da un lato sarà possibile l'accesso al credito per i nuclei familiari svantaggiati che non possiedono tutti i requisiti (sempre più rigidi) richiesti per l'erogazione dei mutui e che quindi ne risulterebbero esclusi; dall'altro, si potrà innescare un meccanismo virtuoso di dinamismo del mercato degli immobili, in un momento di drammatica recessione. Da non trascurare anche i riflessi positivi nel settore dell'edilizia, essendo il fondo finalizzato anche alle ristrutturazioni e all’efficientamento degli immobili. La dotazione del Fondo di Garanzia autonomo che il Comune ha in animo di istituire sarà di circa 50 mila euro, per come assicurato anche dall’assessore al Bilancio Vigna, ma non escludiamo che, se necessario, possa essere ulteriormente incrementato. Studieremo la forma giuridica e amministrativa per collegare l’iniziativa del Ministro Lupi con quella autonoma dell’amministrazione comunale, prevedendo anche forme di garanzia supplementari che si integrino con quelle del decreto interministeriale che prevede una garanzia stabilita nella misura massima del 50% della quota capitale sui finanziamenti concessi per l'acquisto, la ristrutturazione e accrescimento dell'efficienza energetica».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?