Salta al contenuto principale

Un calabrese nominato nuovo presidente di Equitalia
«Dovremo fare un servizio efficiente ma anche umano»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

ROMA - È un cosentino il nuovo presidente di Equitalia. Si tratta di Vincenzo Busa, classe 1951. La sua nomina arriva dopo il cambio di guardia all’Agenzia delle Entrate quando alla guida è arrivata Rossella Orlandi in sostituzione di Attilio Befera. E il neo presidente ribadisce la formula con la quale interpreta il ruolo di Equitalia.

«Prima ancora di riscuotere - dice il nuovo presidente Busa - è necessario assistere il contribuente, stare al suo fianco nel momento in cui si rivolge ai nostri uffici e guadagnare così la sua fiducia. Il servizio che il nostro personale svolge quotidianamente - aggiunge - dovrà continuare ad essere efficiente ma allo stesso tempo umano: ogni accorgimento, lecito e possibile, dovrà essere usato per potenziare spirito di ascolto e capacità di relazione. Faremo questo continuando a tutelare gli interessi pubblici ma abbandonando logiche e metodi tipici del vecchio sistema delle esattorie. Equitalia deve essere percepita e riconosciuta come un’organizzazione che esercita l’attività di riscossione al servizio della Pubblica amministrazione e dei cittadini. Opereremo - spiega Busa - in stretto contatto con le Agenzie fiscali, l’Inps, gli enti locali e gli altri enti pubblici creditori: insieme siamo responsabili del corretto funzionamento del sistema fiscale e contributivo».

Nato a San Cosmo Albanese, laureato in Giurisprudenza all’Università di Parma, comincia il suo percorso professionale nel 1977, ricoprendo numerosi incarichi nell’amministrazione, prima al Ministero delle Finanze e poi all’Agenzia delle Entrate. Negli anni ‘90 Busa riveste prima diversi incarichi dirigenziali in Umbria (1990-1995), diventa Ispettore Tributario del Secit (1995- 1998) e, nel 1998, Direttore Regionale delle Entrate per il Lazio. Con la nascita dell’Agenzia delle Entrate, Busa approda alla Direzione Centrale Normativa e Contenzioso, un incarico che riveste sino al 2009, anno in cui è nominato Direttore Centrale Affari legali e Contenzioso. E’ inoltre docente di diritto tributario all’Università di Perugia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?