Salta al contenuto principale

I fondi europei sono spesi male, Governo e UE
pronti a tagliare la quota di cofinanziamento

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 56 secondi

CATANZARO - Il Governo italiano è pronto a ridurre dal 50 al 26% il cofinanziamento nazionale ai fondi Ue 2014-2020 per le tre grandi regioni del Sud che sono in fondo alla classifica per capacità di spesa: Campania, Calabria e Sicilia. A consentire l'operazione sono i regolamenti Ue che per le aree "obiettivo 1 convergenza" prevedono un cofinanziamento nazionale minimo del 26%. Tenendo conto solo dei due fondi principali, il Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr) e il Fondo sociale europeo (Fse), la dotazione di fondi Ue 2014-2020 è di 6.860 milioni per la Sicilia, 6.326 milioni per la Campania e 3.031 per la Calabria.

Un'ipotesi che è stata accolta favorevolmente dal neo commissario Ue per la Politica regionale Corina Cretu, intervistata dal Mattino: «Condivido in pieno la decisione del governo italiano di limitare il cofinanziamento nazionale» per Campania, Calabria e Sicilia «al minimo imposto dai regolamenti, al fine di ridurre il rischio che i gravi problemi di sotto utilizzazione e irregolarità si manifestino con la stessa portata nel 2014-2020». 

Secondo l’economista «finora non sono state in grado di gestire correttamente e integralmente i finanziamenti a cui hanno diritto. Ciò risulta evidente analizzando i loro programmi 2007-2013, che sono fra i più in ritardo in tutta l’Ue». 

«Lo stesso emerge dall’esame dei programmi 2000-2006 delle stesse regioni, programmi non ancora conclusi a causa degli elevatissimi livelli di irregolarità». E al giornalista che le chiede se le strutture politiche e istituzionali regionali siano responsabili dei ritardi nell’attuazione dei programmi il commissario dice: «Le regioni gestiscono autonomamente i propri programmi regionali, e sono quindi effettivamente responsabili quando le cose vanno male. Dal mio punto di vista - continua Cretu - i problemi principali nelle regioni meridionali sono le carenze nella capacità di programmare e gestire correttamente i fondi, spesso associate a un contesto politico effimero».

Nei giorni scorsi, il commissario aveva espresso forti critiche sulla gestione dei fondi in Calabria e nelle altre regioni del Sud Italia (LEGGI), mentre dall'Unione Europea sono arrivati forti richiami sia sulla gestione dei rifiuti (LEGGI) che su quella della depurazione (LEGGI).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?