Salta al contenuto principale

Una loggia massonica segreta condiziona
i destini di Calabria e Sicilia

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

REGGIO CALABRIA - Ci sarebbe una loggia massonica segreta, di grandi dimensioni, che condizionerebbe i destini di Calabria e Sicilia. E' quanto ha rivelato un pentito siciliano, Carmelo D'Amico, nell'ambito del processo "Gotha tre" in corso di svolgimento a Messina in cui viene contestato il reato di associazione mafiosa.

Le dichiarazioni di D'Amico, con diversi omissis, sono state depositate nei giorni scorsi. Ai magistrati avrebbe fatto riferimento a un personaggio potente e misterioso, che da Barcellona Pozzo di Gotto, alla guida di una loggia massonica, sarebbe capace di orientare le trame della politica e dei grandi affari tanto in Calabria quanto in Sicilia senza essere mai stato sfiorato dalle indagini.

I magistrati messinesi hanno intensificato le indagini per verificare le accuse e soprattutto gli intrecci tra mafia e massoneria con tanto di coperture istituzionali fornite al “sistema”.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?