Salta al contenuto principale

Da aprile Alitalia taglia i voli tra Milano e Lamezia
Protesta in vista di Expo e della stagione estiva

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

LAMEZIA TERME - «Dal mese di aprile prossimo i voli da Lamezia Terme per Milano Linate operati da Alitalia saranno ridotti. Le frequenze giornaliere passeranno, infatti, da 3 a 1». A denunciare i "tagli" decisi dalla compagnia area è stata la Sacal, società di gestione dell’aeroporto di Lamezia Terme, la quale con una nota ha illustrato le decisioni che sono emerse in questi giorni.

«Le modalità di ristrutturazione della nuova Alitalia Etihad - evidenzia Sacal - penalizzano lo scalo lametino e, soprattutto, i passeggeri che abitualmente volano con Alitalia
per raggiungere il centro di Milano. Sacal per sopperire a questa carenza è già a lavoro per attrarre nuovi vettori, generare nuovi voli, potenziare quelli esistenti».

«La storia - sostiene il presidente di Sacal, Massimo Colosimo - si ripete. Come già accaduto nel mese di settembre con la paventata cancellazione del volo per Torino, e in
generale per il Sud, Alitalia ripropone la soluzione delle economie cercate col taglio di rotte. Pur riconoscendo la validità delle strategie adottate dal nuovo management Alitalia Etihad, che prevede un maggior investimento sui principali hub e sulle rotte a lungo raggio, tuttavia non bisogna dimenticare che l'aeroporto di Lamezia è sempre stato un alimentatore di traffico proprio verso quegli hub, con elevate percentuali di riempimento. A ciò si aggiunga che il ridimensionamento delle frequenze avviene in prossimità della stagione estiva e soprattutto di Expo 2015, lasciando fuori la Calabria dai circuiti del turismo internazionale e privando le aziende calabresi dall’opportunità di esporre le proprie eccellenze in una vetrina di respiro mondiale».

Colosimo lancia un appello «alla riconosciuta sensibilità del neo governatore, Mario Oliverio, affinché rappresenti nelle opportune sedi istituzionali tali problematiche. Prendiamo atto della decisione unilaterale di Alitalia, appresa senza una comunicazione ufficiale, ma solo a seguito di una richiesta di incontro da parte di Sacal, finalizzata a conoscere gli orientamenti operativi del vettore per la imminente stagione estiva. Sacal naturalmente è già a lavoro per individuare nuovi partner e garantire la continuità di collegamenti ai suoi utenti. L'affidabilità di Sacal, gli elevati indici di riempimento, l'approssimarsi dell’apertura di Expo 2015, l’avvicinarsi della stagione estiva - conclude - credo siano elementi di non trascurabile importanza per quei vettori che vorranno investire sulla Calabria e sul suo principale aeroporto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?