Salta al contenuto principale

Cassintegrati in deroga, l'accordo è sbagliato
L'Inps non paga ed a Catanzaro scoppia la protesta

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

 

CATANZARO – Alcune decine di  lavoratori calabresi in stato di mobilità in deroga hanno bloccato questa mattina il centro storico di Catanzaro per protestare contro i ritardi nell'erogazione degli ammortizzatori sociali in deroga per l'anno 2014. 

I manifestanti hanno tenuto un presidio in piazza Prefettura, bloccando anche la circolazione stradale lungo Corso Mazzini, sin quando una delegazione è stata ricevuta dal prefetto Luisa Latella. 

La protesta è maturata dopo la notizia (anticipata sull'edizione cartacea di oggi del Quotidiano, ndr) che l’Inps non è autorizzata all’erogazione delle prestazioni secondo quanto previsto dal decreto regionale e dal successivo accordo sottoscritto il 7 maggio scorso. 

Il Ministero, infatti, ha bocciato il contenuto dello stesso accordo sottoscritto tra Regione e sindacati, mentre l'Inps, in questo modo, non potrà erogare alcun tipo di prestazione per questi lavoratori. Una condizione che ha spinto una delegazione di cassintegrati in deroga a scendere in piazza per protestare attivamente a Catanzaro. 

Anche a Cosenza una delegazione dei lavoratori in mobilità in deroga, che da giorni protestano davanti alla sede Inps di Cosenza per il mancato pagamento dei sussidi, è stata ricevuta dal prefetto di Cosenza, Gianfranco Tomao. Con loro anche una rappresentanza del mondo sindacale. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?