Salta al contenuto principale

Pendolari, aumenta il gap tra Nord e Sud

In Calabria netta  la diminuzione a causa dei tagli ai treni

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 39 secondi

 PALERMO - Ogni giorno in Italia quasi 5,5 milioni di persone prendono il treno per spostarsi per ragioni di lavoro o di studio, un numero solo leggermente superiore al 2015 (+0,2 per cento), quando i pendolari del treno erano 5,43 milioni (e 5,1 nel 2014).

A crescere in maniera evidente sono, invece, le diseguaglianze tra le Regioni rispetto al numero di viaggiatori e alle condizioni del servizio offerto. È quanto emerge dal rapporto Pendolaria 2016 di Legambiente, presentato oggi a Palermo.

IL FOCUS SULLA SITUAZIONE CALABRESE SECONDO LEGAMBIENTE

Sui 5,5 milioni di pendolari, sono 2milioni e 832mila quelli che usufruiscono del servizio ferroviario regionale (divisi tra 1,37 milioni che utilizzano i convogli di Trenitalia e gli altri 20 concessionari) e 2milioni e 655mila quelli che prendono le metropolitane presenti a Milano, Roma, Napoli, Torino, Genova, Brescia e Catania. Nel 2016 il numero dei pendolari del treno è aumentato di poco: +0,7 per cento rispetto al 2015 per il trasporto ferroviario e +0,6 per cento per quello metropolitano.

La crescita dei pendolari è, però, un dato con differenze macroscopiche, perché aumenta dove il servizio non è stato tagliato e dove sono stati realizzati investimenti nell’acquisto di nuovi treni, come in Lombardia dove sono arrivati a 712mila, in Emilia-Romagna e in Alto Adige (dove sulle linee riqualificate con treni nuovi sono triplicati, da 11.000 nel 2011 a quasi 32.000).

Mentre continua a calare in Regioni dove dal 2010 a oggi sono stati realizzati solo tagli ai servizi (in Calabria -26,4 per cento treni in circolazione e -31 per cento passeggeri, in Campania -15,1 per cento treni e -40,3 per cento passeggeri, in Piemonte -8,4 per cento e -9,5 per cento) e nelle città dove il servizio è scadente, con sempre meno treni e sempre più vecchi come a Napoli sulla Circumvesuviana (le corse sono state ridotte del 30 per cento dal 2010) o sulla Roma-Ostia Lido.

In questi anni sono stati chiusi oltre 1.120 chilometri di linee ferroviarie

In questi anni sono stati chiusi oltre 1.120 chilometri di linee ferroviarie, cui vanno aggiunti 412 chilometri di rete ordinaria che risulta "sospesa" per inagibilità dell’infrastruttura, come per la Trapani-Palermo, la Gemona-Sacile, la Priverno-Terracina, la Bosco Redole-Benevento e la Marzi-Soveria Mannelli in Calabria. In tutto sono 1.532 chilometri di linee ferroviarie su cui non esiste attualmente alcun servizio passeggeri.

È un Italia che viaggia sempre di più a velocità differenti, quella che viene fuori dal rapporto che, dal 2008, presenta la fotografia della situazione del trasporto ferroviario in Italia e ne racconta i cambiamenti. Sono proprio le differenze e diseguaglianze tra le diverse aree del Paese, ad essere al centro del focus quest’anno. Con realtà dove la situazione è migliorata ed altre, più numerose, in cui ci sono meno treni e anche più lenti che in passato, per via dei tagli ai treni Intercity e a lunga percorrenza e a quelli regionali (tagliati rispettivamente del 22,4 per cento e del 6,5 per cento rispetto al 2010").

Sud emergenza Paese

"Abbiamo scelto di presentare Pendolaria a Palermo quest’anno - ha commentato Edoardo Zanchini, vice presidente di Legambiente - proprio perché sono il Sud e le città le emergenze dei trasporti nel nostro Paese. Cambiare e migliorare la situazione che vivono ogni giorno milioni di pendolari deve diventare una priorità, non solo per ridurre differenze e recuperare ritardi, ma perché è un grande investimento sul futuro del Paese".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?