Salta al contenuto principale

Dipendenti pubblici assenti: il record è del Comune di Cosenza. Bene Vibo Valentia

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il Comune di Cosenza
Tempo di lettura: 
3 minuti 20 secondi

COSENZA - La macchina pubblica arranca. I servizi sono in affanno. Complici gli uffici vuoti. Non c’entra nulla il famigerato assenteismo, inteso come repressione di natura penale. A provocare carenze di risorse umane nella gestione degli enti locali sono gli strumenti regolati dalla legge. Ferie, congedi, permessi e malattie sono un diritto dei lavoratori. E salvo i casi di anomalie (come le finte malattie ottenute grazie a medici compiacenti), nulla di illegale all’orizzonte. È questo il quadro illustrato dal centro di ricerca Ermes nel suo primo rapporto sugli enti locali, realizzato sulla base dell’ultimo conto annuale della Ragioneria di Stato, e pubblicato ieri da “Il Sole 24 ore”.

A guidare la classifica degl uffici meno affollati è il Comune di Cosenza con 65,1 giorni di assenze medie, mentre l’ente calabrese che ha fatto registrare i dati migliori è Vibo Valentia (a pari merito con Barletta), con soli 23 giorni di lontananza dal posto di lavoro. Anche Reggio Calabria è messa male in classifica. È al quinto posto con una una media assenza per dipendente di 59,3 giorni). Catanzaro guadagna la posizione numero 56 (51,8 giorni), Crotone è al posto numero 85, e al 101esimo il “paradiso pubblico” targato Vibo Valentia. L’Italia degli uffici deserti ormai è uno scenario che colpisce più per gli effetti che per le cause.

Secondo “Il Sole” «nei Comuni piccoli, dove gli organici sono più ridotti e c’è in genere più spirito di squadra ma anche più controllo reciproco, le assenze sono minori (46,1 giorni in media, ferie comprese), mentre l’indice sale al crescere delle amministrazioni fino a raggiungere il massimo (51,4 giorni) dove i dipendenti sono più di mille. Palermo, Cagliari, Catania e Torino spingono in alto il dato delle città, mentre a Napoli, Rimini, Milano e Salerno le assenze sono più basse».

Tra i comuni piccoli spiccano alcune criticità in terra di Calabria. A Locri, in particolare, che conta circa 12 mila residenti, gli strumenti previsti per legge hanno tenuto lontano dal comune 99,4 giorni in media per dipendente. Non è da meno Condofuri, comune della fascia jonica reggina, dove le assenze medie per dipendenti marca la cifra di 86,1 giorni.

Secondo il centro di ricerca Ermes «i nuovi contratti nazionali del pubblico impiego dovrebbero scardinare l'assenteismo, grazie a un binomio semplice: con uffici più vuoti, buste paga più leggere». «L’incarico affidato all'Aran, l'agenzia negoziale del pubblico impiego, e ai sindacati è chiaro, e arriva da un doppio mandato - sostiene ancora Ermes - il primo è dato dalla riforma del pubblico impiego, attuativa della delega sulla Pa, che chiede alla contrattazione di vietare qualsiasi forma di aumento dei fondi integrativi nelle amministrazioni che mostrano “significativi scostamenti rispetto a dati medi annuali nazionali o di settore”. Sulla stessa linea, l’accordo fra governo e sindacati firmato il 30 novembre scorso spiega che le nuove intese nazionali dovranno pensare «misure incisive e mirate» per «contrastare fenomeni anomali di assenteismo».

A COSENZA. «In merito all’articolo pubblicato sul Sole 24 ore riguardante i dati sulle assenze medie, è fondamentale precisare che il dato riguardante il Comune di Cosenza è dovuto principalmente all’azione portata avanti nell’ultimo biennio, tendente al completo smaltimento di ferie e permessi retribuiti accumulati dai dipendenti negli anni precedenti».

Lo sottolinea l’assessore al Personale di Palazzo dei Bruzi, Luciano Vigna. «Su un totale di 40853 giornate di assenza – fa rilevare Vigna - l’incidenza per malattia è pari a 9.868 giornate che rappresentano un'assenza media per dipendente di 16 giorni. Le restanti 30985 giornate riguardano gli istituti contrattuali e rientrano pertanto nei diritti spettanti ad ogni dipendente, risultando influenzate dallo smaltimento di ferie e permessi residui. Attraverso una politica di contenimento dei costi e agevolazione dei pensionamenti, il numero dei dipendenti comunali – sottolinea ancora Luciano Vigna - si è ridotto dalle 1100 unità del 2010 alle 603 del 2016 e nei prossimi anni si prevede un’ulteriore riduzione di circa 70 unità. Nonostante tale riduzione si è registrato un considerevole miglioramento nella qualità dei servizi offerti».

«Entro la fine dell’anno – conclude Vigna - sarà approvata una nuova struttura organizzativa al fine di rendere la macchina amministrativa idonea a rispondere in maniere celere ed esaustiva alle svariate esigenze del territorio».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?