Salta al contenuto principale

Redditi, per l'Istat i Calabresi sono i più poveri d'Italia

ma in Calabria esiste una enorme economia sommersa

Calabria
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 20 secondi

ROMA - Che la differenza reddituale tra Nord e Sud sia marcata lo si sa da tempo così come si sa che la Calabria è il territorio in cui tale squilibrio è più pronunciato, ma a confermarlo, per l'ennesima volta, è l'Istat.

L'Istituto Nazionale di Statistica, infatti, sulla base dei dati reddituali dell'anno 2016 ha reso pubblici i livelli medi di reddito degli italiani e da questo esame è emerso che le famiglie residenti nel Nord-ovest dispongono del livello di reddito per abitante più elevato (21,5 mila euro), seguite da quelle residenti nel Nord-est (quasi 21 mila euro). Il Centro Italia fa registrare un livello pari a circa 19,1 mila euro mentre nel Sud il reddito medio precipita a 13,5 mila euro, con un differenziale negativo del 25,7% rispetto alla media nazionale e la Calabria che si trova ancora al di sotto della media del Sud con reddito medio di 12,4 mila euro.

LEGGI DEL PREOCCUPANTE AUMENTO
DEI PIGNORAMENTI DI CASE IN CALABRIA

In testa alla graduatoria del reddito disponibile per abitante si trova la Provincia Autonoma di Bolzano-Bozen, con 24,6 mila euro correnti, seguita da Emilia Romagna e Lombardia (22,1 mila euro). Come detto la Calabria (12,4 mila euro), preceduta da Campania e Sicilia (poco più di 13 mila euro), è la regione in cui il reddito disponibile per abitante è più basso.

Nel 2016, il reddito disponibile a prezzi correnti ha segnato per il complesso dell’economia nazionale un incremento dell’1,6% rispetto al 2015, con dinamiche territoriali piuttosto articolate.

Nel Nord-est si è registrato un aumento dell’1,5%, leggermente inferiore alla media nazionale; al suo interno la provincia autonoma di Bolzano-Bozen presenta la variazione più elevata di tutto il territorio nazionale (+2,6%) mentre il Veneto segna una crescita relativamente contenuta (+1%). Nel Nord-ovest l'incremento è stato dell’1,5%, con il risultato più favorevole in Valle d’Aosta (+2,4%), seguito dalla Liguria (+2,2%). Le regioni del Centro hanno registrato un aumento del reddito disponibile dell’1,6%, con la crescita più marcata in Toscana (+2,2%) e quella più lenta in Umbria (+1,1%). La dinamica del reddito disponibile delle famiglie nel Mezzogiorno (+1,6%) è risultata in linea con quella nazionale, ma caratterizzata da una ampia variabilità interna: dallo 0,8% del Molise al 2% della Sardegna.

Nel 2015, la regione che ha registrato una crescita annua più sostenuta è la Provincia autonoma di Bolzano-Bozen (+3,6%), seguita dalla Basilicata (+2,9%). Di contro la Liguria e l’Umbria presentano gli incrementi più contenuti (rispettivamente 0,3% e 0,5%).

Se si osserva l'economia sotto il profilo del sommerso e dell'illegale, poi, si scopre che complessivamente rappresenta, nel 2015, il 14% del valore aggiunto totale con un incidenza dell’economia non osservata "molto alta" nel Mezzogiorno, pari al 19,1% del valore aggiunto. Vicina alla media nel Centro (14,2%) mentre è inferiore nel Nord-est (12,2%) e nel Nord-ovest (11,5%). Nel confronto territoriale, anche in questo caso, è la Calabria la regione in cui il peso dell’economia sommersa e illegale è massimo, con il 21,3% del valore aggiunto complessivo che la piazza al primo posto, mentre l’incidenza più bassa si registra nella Provincia autonoma di Bolzano-Bozen (10,7%).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?