Salta al contenuto principale

Riapre l'Hotel 501, la nuova proprietà versa 2,6 milioni di euro

Già prenotate le prime camere a partire da ottobre

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il 501 hotel di Vibo Valentia
Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

VIBO VALENTIA - Una icona della storia Vibonese sta per tornare. La società che si è aggiudicato all’asta l'Hotel 501, infatti, ha proceduto ieri al saldo dell’importo di 2,6 milioni di euro e dal primo ottobre la struttura tornerà pienamente operativa.

Sono già state prenotate 100 camere. La struttura alberghiera aveva chiuso nel settembre del 2017 (LEGGI LA NOTIZIA) quando l’albergo passò nella totale disponibilità della curatela fallimentare, riapriranno il prossimo primo ottobre.

Questo, almeno, è quanto promette la nuova proprietà, vale a dire la Ku Investiment Srl che, nella giornata di ieri, ha provveduto a perfezionare la procedura d’acquisto, scaturita dall’ultima asta fallimentare del giugno scorso, all’esito della quale si era accaparrata il complesso per una somma di 2,6 milioni di euro.

La società guidata dall’amministratore unico Rocco Gabriele Sabatino, giovane laureato a pieni voti in Economia alla Luiss di Roma figlio del noto imprenditore oleario di Soriano Franco Sabatino, ha dunque onorato l’impegno nei tempi previsti e da lunedì, dopo la firma degli atti notarili, acquisirà pieni diritti sull’albergo che più di ogni altro ha simboleggiato la “belle époque” vibonese, legando indissolubilmente il suo nome ad eventi di cultura e spettacolo di caratura nazionale.

A rilanciare le speranze dei tanti lavoratori che erano rimasti senza occupazione dopo il fallimento della società madre e gli infruttuosi tentativi di acquisizione che ne seguirono, arrivano già anche incoraggianti segnali dal punto di vista delle vendite. Una prima importante commessa è infatti già all’attivo della struttura grazie alla prenotazione di circa 100 camere da parte dei promotori del Festival leggere e scrivere, che dal 2 al 6 ottobre porterà in città numerose personalità del mondo della cultura italiana. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?