Salta al contenuto principale

Siti inquinati, pronti circa 45 milioni di euro
Serviranno per avviare la bonifica

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

 

CATANZARO - La Regione ha stanziato oltre 45 milioni di euro per la bonifica dei siti ad alto rischio seguendo una graduatoria che prevede anche che i tecnici visitino i siti in Calabria per definire la progettazione definitiva, che consenta ai Comuni beneficiari delle risorse il successivo espletamento delle gare d'appalto. Ieri pomeriggio il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, l'assessore regionale all'Ambiente Francesco Pugliano e il direttore generale del dipartimento Ambiente Bruno Gualtieri, hanno incontrato a Palazzo Alemanni i rappresentanti dei Comuni calabresi interessati dagli interventi di bonifica in questione. Nel corso dell'incontro è stato illustrato il “Laboratorio tematico settoriale” per l'aggiornamento del “Piano Regionale di Bonifica dei Siti Inquinati”, inoltre è stato predisposto un “Piano Stralcio del Piano operativo generale” degli interventi per la bonifica dei siti inquinati, dal quale è scaturita una graduatoria degli interventi relativi ai progetti operativi di bonifica dei siti ad alto rischio, per complessivi 45.128.750 euro. 

I Comuni interessati sono Lamezia Terme, Firmo, Laino Borgo, Davoli, Scilla, Melicucco, Scalea, Polistena, Palmi, Reggio Calabria, Bovalino, Zambrone, Cassano allo Ionio, Lungro, Tortora, Delianuova e Cariati. Nelle prossime settimane il dipartimento Politiche dell'ambiente completerà, attingendo a fondi propri, la progettazione in itinere con le ulteriori indagini e studi specialistici (di tipo geotecnico, idraulico, sismico, ecc.).

«E' un tassello importante che aggiungiamo alla nostra azione amministrativa in tema di politiche ambientali, che dimostra grande sensibilità in questo comparto e l'impegno che mettiamo per cercare di dare risposte concrete e significative ai nostri territori», ha affermato Scopelliti. I sindaci hanno apprezzato l'iniziativa e al contempo hanno chiesto «la costituzione di una cabina di regia regionale che segua tutte le fasi di gara e realizzazione degli interventi di bonifica».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?