Salta al contenuto principale

Il ritorno di Adamo fa tremare il Pd. Parte il fuoco incrociato in vista dei congressi

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

 

CATANZARO -  E’ partita la fase congressuale del Pd calabrese che è commissariato  da ben due anni. Dall’esterno si percepiscono almeno due aspetti.  Uno positivo e uno negativo. 

Primo aspetto. Si coglie nei vari  ambienti democrat una voglia di ripartire, di riprendere il cammino,  di lanciare idee, proposte, disegnare progetti di crescita, entrare  nel vivo dei problemi per rappresentare la parte più esposta della  società, proporsi come alternativa al centrodestra regnante. 

Questo  nuovo slancio in una certa misura è anche figlio della stanchezza,  della consapevolezza, sin’ora trascurata, che le divisioni interne  restano tali perché, quand’anche si dovessero chiudere le ferite,  rimangono sempre le cicatrici. E poi queste elezioni amministrative  hanno dimostrato come il cittadino non sopporti più la politica  politicante. 

Secondo aspetto. Quello dolente, perché i contrasti  interni, fisiologici sino  a un certo punto, sono sopiti ma non sono  scomparsi. E affiorano quando si toccano i nervi scoperti. 

E’ il  caso della lettera che Demetrio Naccari Carlizzi ha inviato al commissario Alfredo D’Attorre. Questo l’incipit: «Caro Commissario,  in questi giorni stiamo leggendo di un’escalation di note e dichiarazioni di Nicola Adamo sul Pd. Adamo sostiene di avere  concordato il suo rientro nel partito e annuncia candidamente il suo impegno nei prossimi congressi. Si lancia poi, con spericolatezza,  in ricostruzioni degli ultimi anni che sono fantasiose se non allucinanti. Partecipa al tesseramento in strada di una sezione di  Cosenza che raccoglie adesioni in nome del partito. Sembra ai più e  in molti ce lo segnalano con sconcerto, un’azione pianificata e  concordata che dovrebbe prima saggiare e poi far passare in cavalleria il suo ritorno nel Pd». Poi una serie di argomentazioni.  

Il servizio completo sull'edizione cartacea di oggi del "Quotidiano della Calabria".

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?