Salta al contenuto principale

Adamo: «Naccari ha sbagliato, ma il Pd non può applicare a me e lui il codice etico»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

 

REGGIO CALABRIA - «Naccari Carlizzi ha sbagliato con me e sbaglia ora chi solleva nei suoi confronti problemi di codice etico». Nicola Adamo esce con stile allo scoperto dopo che l’ex assessore regionale del Pd aveva inviato una dura lettera al commissario regionale del Pd, Alfredo D’Attorre, all’apertura della fase congressuale del partito. Pomo della discordia il rientro di Adamo nel Pd e il suo coinvolgimento nell’inchiesta “Why not” a Catanzaro. Qualche settimana dopo, il 4 giugno, Naccari che aveva sollevato la questione etica su Adamo, è stato destinatario di un avviso di garanzia per corruzione, concussione e falso ideologico da parte della Procura di Reggio. Il caso era quello del concorso vinto da Valeria Falcomatà, moglie dell’ex assessore di Loiero, all’ospedale Bianco-Melacrino - Morelli. Con Naccari e la moglie nel registro degli indagati sono finite altre nove persone. «Adamo sostiene di avere concordato il suo rientro nel partito e annuncia candidamente il suo impegno nei prossimi congressi - scriveva Naccari a fine maggio - Si lancia poi, con spericolatezza, in ricostruzioni degli ultimi anni che sono fantasiose se non allucinanti. Partecipa al tesseramento in strada di una sezione di Cosenza che raccoglie adesioni in nome del partito. Sembra ai più e in molti ce lo segnalano con sconcerto, un’azione pianificata e concordata che dovrebbe prima saggiare e poi far passare in cavalleria il suo ritorno nel Pd». Ed infine: «Non è mia intenzione generare alcuna polemica pubblica ma sono interpellato, come tanti altri, da molti aderenti al nostro partito che sono stupiti dalla vicenda. Da ultimo mi chiedo e ti chiedo se occorre assumere una interpretazione dello statuto limitata ed in danno di un politico di valore come Mario Oliverio e invece per altri si possa decidere di dimenticare le regole del codice etico. Poiché ho fatto parte della commissione nazionale che lo ha redatto, mi chiedo se sia stato abrogato o modificato di recente».

Il servizio completo a cura di Michele Inserra sull'edizione cartacea di oggi del Quotidiano della Calabria.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?