Salta al contenuto principale

Città metropolitana, la Provincia chiede
elezioni per il "super sindaco"

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

REGGIO CALABRIA - Città metropolitana, ma la Provincia non ci sta e chiede elezioni per i super sindaco. Uno scontro che, a Reggio Calabria, è tutto interno al centrodestra.

La richiesta di elezioni arriva da Bologna. Le dieci Province destinate a diventare Città metropolitane dall’1 gennaio 2014 chiedono al Governo di modificare il decreto sulla Spending Review che le istituisce come enti locali di secondo grado, ovvero senza elezioni. Riunite a Bologna dall’Upi, apprezzano il decreto in molte parti ma chiedono il suffragio universale, per l’elezione sia del sindaco metropolitano che del Consiglio del nuovo ente.   L’elezione diretta del sindaco metropolitano – hanno spiegato più di altri il presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, vice presidente dell’Upi e la presidente della Provincia di Bologna, Beatrice Draghetti, 'padrona di casà – è una delle tre opzioni previste dal decreto, insieme a quella che diventi sindaco metropolitano uno dei sindaci 'nominatì ora nel Consiglio dal decreto oppure che la carica venga assunta dal sindaco del comune capoluogo.   Quest’ultima opzione è esplicitamente avversata da tutte le dieci Province (anche Milano, Roma, Napoli, Firenze, Bari, Genova, Venezia e Reggio Calabria), che obiettano come il sindaco del capoluogo sia espressione solo di una parte del territorio metropolitano e come spesso rappresenti interessi in forte conflitto con quelli di altri comuni del territorio.    «Serve terzietà – ribadisce Saitta – e c'è un problema di lesione della democrazia. Molti di noi non sono disposti a fare i commissari liquidatori di un ente che finirebbe governato dalle segreterie dei partiti», pronte a indicare i sindaci da nominare nei Consigli metropolitani. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?