Salta al contenuto principale

Loiero: «Su Legambiente da Scopelliti
solo delle clamorose assurdità»

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

 

CATANZARO - «Come al solito Scopelliti, quando è accerchiato, cerca di uscire dai guai in cui si mette da solo con qualche trovata. È andata così anche venerdì sera, a Tropea, dove il Presidente Scopelliti è stato assediato dai turisti, i quali gli hanno rimproverato che il mare è sporco. Malgrado la claque all’uopo organizzata, la piazza non sempre è governabile a piacimento». Lo afferma, in una nota, Agazio Loiero, di Mpa-Ad, ex presidente della Regione Calabria. «Si è spinto, Scopelliti – aggiunge – a dire clamorose assurdità, quasi che io avessi influenzato o forse comprato Goletta verde di Legambiente. Questo metodo in Calabria è diffuso, ma è certo che non vale per me. Negli anni in cui ho amministrato la Regione, nel grande sforzo, clamorosamente e inspiegabilmente interrotto dall’attuale presidente, di portare a normalità il mare calabrese (che è un lavoro di lunga lena), Legambiente era tra quelle associazioni che interpellammo. Ricordo che facemmo addirittura una Goletta speciale per la Calabria perchè eravamo interessati, entrambi, a voler invertire una tendenza culturale nei confronti di un mare, il nostro, spesso bistrattato, talvolta violentato, che esigeva scelte coraggiose. Ci aiutarono a correggere errori del passato, perchè quando si ha un mare con problemi, com'è quello calabrese, bisogna puntare (come facemmo) sulla cooperazione. In ogni caso, seppur per lavori scientifici, chiedemmo il supporto di diverse organizzazioni, criterio che usammo in altri settori, cercando di coinvolgere le relative associazioni, rispettando sempre la loro autonomia, come con il Cipr (Comitato italiano per la protezione degli uccelli Rapaci), WWF Italia, Amici della Terra o il Cts (Centro turistico studentesco e giovanile)».   «E comunque, a voler essere davvero chiari – dice ancora Loiero –  noi non abbiamo mai pagato Lele Mora o le passeggiate in riva allo Stretto di Valeria Marini. Il nostro sostegno è andato verso associazioni scientifiche e culturali, con cui cooperammo per la correzione di errori. Per il resto – conclude Loiero – io consiglierei al Presidente Scopelliti di ritrovare davvero un pò d’umiltà e magari di seguire il consiglio di un big del centrodestra calabrese come Francesco Nucara, che qualche giorno fa gli ha suggerito di ricorrere (non come assessore, che non ci verrebbe mai, semmai come consulente) alla grande perizia e cultura del mare di Silvio Greco».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?