Salta al contenuto principale

Legambiente: «Mai parlato
di balneabilità delle acque»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

Il Presidente nazionale di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, in una nota, replica all’interrogazione fatta dal deputato Francesco Nucara circa i dati di Goletta Verde sul mare a cui ieri ha risposto il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini.   «Goletta Verde – afferma Cogliati Dezza – attraverso analisi scientifiche verifica la presenza dei punti critici lungo la costa italiana minacciati dall’inquinamento e da troppi scarichi fognari non depurati, senza volersi sostituire al lavoro delle autorità preposte ai controlli sulla balneabilità del mare. Nelle sue conferenze stampa e nei suoi comunicati, Legambiente non ha, infatti, mai parlato di balneabilità delle acque ma di inquinamento del mare in alcuni punti determinati. Goletta Verde ha avuto il merito di portare in prima piano un problema serio e delicato lanciando l’allarme sulla mancata depurazione e sulla qualità delle acque, con risultati che vengono messi a disposizione di enti locali e agenzie preposte ai controlli per andare alla ricerca e alla soluzione della causa della contaminazione. Esiste un problema inquinamento legato al malfunzionamento di alcuni depuratori costieri e a scarichi abusivi, che giungono a mare tramite canali o torrenti. Ed è proprio quello che Goletta Verde denuncia con un monitoraggio rigoroso, serio e trasparente come dimostrano i 27 anni di attività della campagna. Inoltre come ha giustamente ricordato il ministro Clini, Goletta Verde non si avvale di finanziamenti pubblici». Il Presidente di Legambiente della Calabria, Franco Falcone, ha evidenziato che «si continua a nascondere l’evidenza sulle carenze del sistema depurativo in Calabria. Proprio ieri la Procura di Paola ha inviato 150 avvisi di garanzia sulla gestione della depurazione relativa alla fascia costiera cosentina. Inoltre non è un caso, infatti, che dei 109 comuni italiani, oggetto della recente condanna da parte della Corte di Giustizia Europea, 18 sono in Calabria e tutti questi hanno ricevuto la condanna più grave, in quanto manchevoli di fognature, per un totale di quasi 530mila cittadini vittime di tale grave disservizio. Il provvedimento dell’Europa conferma puntualmente i dati di Goletta Verde». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?