Salta al contenuto principale

Angela Napoli abbandona Futuro e libertà
Accuse al partito per gli equilibri interni

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 32 secondi

LAMEZIA TERME - Angela Napoli si è dimessa da Futuro e libertà, il partito di cui era stata una delle fondatrici assieme a Gianfranco Fini e per il quale rivestiva la carica di segretario regionale. Le sue dimissioni rischiano di produrre effetti non prevedibili. Un epilogo già scritto, vista la piega che le dinamiche interne al partito avevano preso negli ultimi mesi. A fronte del sostegno più volte dichiarato di Gianfranco Fini (poco convinto sul piano pratico), il vicepresidente Italo Bocchino ha lavorato giorno dopo giorno per fare terra bruciata attorno alla parlamentare, sostenendo a spada tratta il suo grande rivale Francesco Grandinetti. La recente nomina di quest’ultimo a responsabile della “lista dei mille”, varata ad Arezzo, senza che proprio lei, nella qualità di segretario regionale, sapesse nulla, non poteva restare senza conseguenze. Così come la nomina di un esponente del partito nella giunta provinciale di Crotone: «Una decisione presa da Bocchino contro il mio consenso e quello della maggioranza del coordinamento regionale. Un comportamento lesivo della mia dignità e di quella di numerosi militanti». Non solo. Italo Bocchino ha sempre tenuto aperto il dialogo con Scopelliti, nemico giurato della Napoli: «Il governatore ha chiesto al vicepresidente del partito la mia testa politica, e si è lavorato in alcuni settori di Fli per consegnargliela su un piatto d’argento». Ancora. Non è stata digerita la recente apertura al pdl da parte dei vertici nazionali del partito: «Alfano ha dichiarato che non si candiderà alle primarie in caso di presenza di indagati nella competizione. Siamo alla farsa visto che proprio Alfano in parlamento copre collusi, indagati ed addirittura condannati. Un indirizzo che rende impossibile ogni forma di confronto». 

Una chiusura netta al popolo delle libertà, senza possibilità di appello: «Sono lontanissimi da noi. Una delle ragioni per cui non intendo dimettermi è legata al fatto che lascerei entrare un deputato pdl. E non lo farò mai». Angela Napoli resta comunque nel gruppo di futuro e libertà alla camera: «Finire accanto a Scilipoti in Parlamento mi pare una scelta ingloriosa», e non «abbandona il campo»: «l’associazione “risveglio ideale” sarà il punto di riferimento di tutti quelli che vorranno continuare insieme a me il cammino della lotta alla ‘ndrangheta, all’affarismo imperante ed alla malapolitica». C’è già chi però prevede una candidatura pronta nel Pd. Un’ipotesi su cui la deputata di Taurianova glissa, senza però scartarla: «Nelle mie battaglie mi sono spesso trovato accanto la sinistra. C’è un trasversalismo pulito può essere perseguito nell’interesse della nazione. Avremo tempo per valutare gli sviluppi di questa confusa stagione politica». Corregge infine le note uscite su alcuni giornali: «mai detto che uomini di fli stringono la mano ai collusi. Ma che alcuni di loro si confrontano con chi lo fa». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?